Come liberare da germi e batteri la spugnetta da cucina

Secondo diverse ricerche la spugnetta da cucina è uno degli oggetti più sporchi al mondo. Usandola per eliminare sporco e incrostazioni, la cosa non dovrebbe sorprenderci. E invece è facile dimenticare che anche l’oggetto che usiamo per pulire ha bisogno di essere igienizzato.

La cosa più pratica a livello di tempo è sicuramente cambiare spesso la spugna. Infatti in questo modo si evita che germi e batteri si accumulino, rischiando infezioni varie. Esatto, perché sulle spugnette sono stati trovati batteri come la Salmonella e l’Escherichia Coli. Ma se non si vuole cambiare spesso la spugna per evitare di inquinare troppo. O perché si vuole risparmiare, esistono alcuni metodi per sanificarla al meglio.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina Fit, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Smartwach XW6

Come liberare da germi e batteri la spugnetta da cucina

Un metodo molto efficace è lavarle con l’aceto. Così non solo si elimineranno i batteri, ma anche i cattivi odori. Basterà far bollire un pentolino d’acqua. E poi aggiungere la stessa quantità di aceto. Immergere la spugna e lasciarla in ammollo per almeno 20 minuti fino a un massimo di 2 ore. Poi basta strizzarla e via batteri, cattivi odori e grasso.

Si può anche usare la candeggina. Stesso principio, sempre partendo dall’acqua calda, ma stavolta servirà più candeggina. Due terzi di candeggina e uno di acqua. Si lascia in ammollo, poi si strizza e la spugna sarà ben igienizzata.

La lavatrice

Certo, come strofinacci e panni anche la spugna può essere lavata in lavatrice. Bisogna solo fare attenzione che non abbia filamenti metallici. In quel caso meglio evitare, perché potrebbero danneggiare la lavatrice. Basterà un ciclo di lavaggio normale a 40° gradi.

Il microonde

Molto utile per cucinare, può essere usato anche per sanificare. Basterà prendere una ciotola che può andare nel microonde. Aggiungere dell’acqua e del succo di limone, oppure aceto. Avviare il microonde alla massima potenza, per circa 4 minuti. Anche in questo caso bisogna evitare le spugne che hanno filamenti metallici.

Ed ecco come liberare da germi e batteri la spugnetta da cucina. L’importante è ricordare sempre di strizzare bene le spugnette dopo l’uso. Passarle sotto l’acqua fredda per eliminare ogni residuo visibile. Così si eviterà l’eccessivo accumulo di sporco. E assicurarsi che siano asciutte prima di riporle al loro posto. In modo da evitare che si formino muffe a causa dell’umidità.

 

Approfondimento

Le 10 cose sporche che si toccano tutti i giorni

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te