Come gestire al meglio il proprio bilancio familiare in modo da accantonare i soldi che servono per l’istruzione e garantire un futuro sereno ai nostri figli

Caro figlio in ogni senso. Uno studio elaborato nel 2019 da Federconsumatori ha fatto luce e quantificato le spesucce quotidiane relative alla crescita del proprio figlio. Perché per non andare in panico conviene immaginare sia solo uno. Poi basta moltiplicare.

La ricerca di riferimento è l’ultima di tipo quantitativo in ordine di tempo. Da zero a diciotto anni i genitori spendono in media per il proprio pargolo fino a 173mila euro circa. Ovviamente dipende dal reddito ma anche per chi ha reddito basso, la spesa totale si scosta di molto poco da tale importo a sei cifre.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch

Per simpatia citiamo un dato parziale, relativo alla spessa per l’avvio dell’anno scolastico 2019-2020, sempre relativo a un solo figlio. Libri di testo, con diario e corredino (kit astuccio etc.) per un alunno del primo anno della secondaria di I grado, l’importo ammonta a circa 900 euro. Questo per il funesto 2020.

Dati alla mano, occorre, quindi, capire come gestire al meglio il proprio bilancio familiare in modo da accantonare i soldi che servono per l’istruzione e garantire un futuro sereno ai nostri figli.

Innanzitutto facciamo bene i conti con la nostra tasca

Molto banalmente non possiamo immaginare di accumulare risparmio togliendo molto al budget familiare. Mai sia che poi sarà il figlio a dover lavorare per aiutare i genitori. Capita anche questo! Può sembrare controproduttivo ma prendersi cura delle proprie finanze è la base indiretta per il successo finanziario dei nostri figli.

Nei fatti, potremmo pagare un’assicurazione sulla vita per il bebè in caso di eventi e scomparsa improvvisa dei genitori. Altra regoletta da rispettare a monte, è quella di dare priorità a un proprio fondo pensione. Perché con questo potremmo chiedere un prestito. Una base finanziaria solida familiare è fondamentale per pianificare il futuro.

Diamoci un limite

Ovvero fissiamo un budget mensile che vogliamo e possiamo destinare al risparmio. E’ bene tenere presente nella nostra quotidianità quali sono i costi fissi e quali quelli variabili. Il rischio di fissare un budget superlativo rispetto al nostro bilancio tra le entrate e le uscite, potrebbe metterci in difficoltà.

Apriamo un conto risparmio specifico con agevolazioni fiscali

Arriviamo al concreto e cerchiamo di capire come gestire al meglio il proprio bilancio familiare in modo da accantonare i soldi che servono per l’istruzione e garantire un futuro sereno ai nostri figli.

Apriamo un conto e diamogli un nome. Ad esempio “fondo studio”. L’emotività fa la sua parte e la denominazione giusta può aiutarci a sopportare meglio quelle piccole necessarie privazioni. Gli esperti di economia consigliano di scegliere un conto con alto tasso d’interesse. Non è banale perché, grazie agli interessi nel corso degli anni, potremmo ritrovarci gradevoli sorprese.

Piccole dritte

Liberiamoci della nostalgia canaglia, che guarda indietro e si perde il futuro. Vendiamo il possibile della fase neonatale. Il seggiolone o lo sterilizzatore per intenderci. Non servono. Occorre altro. Perché il bambino, nel frattempo, ha raggiunto 20 anni. Solo che i genitori ancora non l’hanno capito. La rete offre diversi canali per piazzare in vendita attrezzi ormai inutili.

L’educazione fa la sua parte. Anche i piccoli possono apprendere, in piccole dosi, una corretta gestione della finanza. Ad esempio possono avere un salvadanaio per i giochi, uno per la beneficenza, un altro per le necessità quotidiane. Ovviamente provvediamo a tutto noi adulti.

Può essere, però, un modo per iniziare a razionalizzare, capire il valore dei soldi e operare piccoli risparmi. Quindi la paghetta settimanale (molte volte contestata) può avere una sua funzione educativa.

Consigliati per te