Come garantirsi una buona autodifesa digitale

Dire Internet vuol dire un mare di opportunità per tutti. Significa accorciare le distanza tra imprese, tra imprese e clienti, tra amici e parenti. Insomma, ridurre il tempo e lo spazio in cui compiere milioni di attività umane.

L’uso del web è sicuramente una fonte di opportunità incredibile da questo punto di vista, ma dobbiamo fare i conti con i numerosi rischi esistenti. Fenomeni come le truffe, l’insider trading o il furto d’identità purtroppo sono all’ordine del giorno.

Per questo, occorre tutelarsi contro i comportamenti scorretti, quando non illeciti, dei malintenzionati. A questo proposito, vediamo come garantirsi una buona autodifesa digitale.

Cambio password

 Il primo passo per capire come garantirsi una buona autodifesa digitale consiste nel cambiare con una certa frequenza le password dei nostri dispositivi. Infatti, può capitare che qualcuno, malgrado i nostri desideri, possa entrarne in possesso e commettere azioni negative. Con questo semplice gesto possiamo rafforzare il nostro grado di sicurezza digitale.

Pulizia dei contatti

Sul web, nei social in particolare, abbiamo la possibilità di entrare in contatto con persone a noi estranee. Capita, così, di ritrovarsi sulla home di Facebook persone di cui non ricordiamo nemmeno il nome.

Queste persone possono tranquillamente accedere ai nostri contenuti e alle nostre informazioni senza che ci chiedano il permesso. Per evitare questa situazione è raccomandabile effettuare frequentemente una selezione dei contatti da mantenere nelle nostre reti social.

Attenzione alle app che installiamo

Lo stesso discorso dei contatti possiamo estenderlo alle app. Non tutte le app che scarichiamo sono nostre “amiche”. Tra le tante utili, esiste una miriade di applicazioni che tramite l’ottenimento del nostro consenso accede ai dati sensibili o ai contenuti della galleria del telefono.

Quindi, quando ci apprestiamo a scaricare un’app non troppo popolare, verifichiamo tramite le recensioni l’affidabilità del software. Prevenire è meglio che curare.

Impronta digitale

Questa tecnologia è particolarmente sicura e supera anche eventuali lacune legate all’inserimento della password. Se abbiamo dei contenuti molto riservati che non vogliamo mostrare a nessuno, usiamo un telefono con l’impronta facciale.

Discorso analogo vale per l’altrettanto avanguardistica tecnologia del riconoscimento facciale. Con questi meccanismi avanzati solo noi potremo usare il nostro smartphone.

Occhio al GPS

Il GPS, cioè il Global Positioning System, è una funzionalità che consente di comunicare al resto del mondo la nostra posizione tramite un dispositivo elettronico. Tutti gli apparecchi moderni ne sono provvisti, quindi anche gli smartphone.

Il GPS ci torna utile soprattutto per l’uso del navigatore. Va da sé che per sfruttarlo il GPS deve essere acceso. Questo implica che possiamo essere tracciati ovunque ci troviamo. Se proprio vogliamo evitare una circostanza del genere, disattiviamo il GPS. Attiviamolo solamente per lo stretto necessario.

Approfondimento

È incredibile cosa si nasconde dentro uno smartphone

Consigliati per te