Come funziona la pallina nelle lattine di birra e una ricetta originale irlandese preparata con la Guinness

L’Irlanda è un Paese dalla forte tradizione birraia. Anche il consumo di questo alcolico fa parte dei costumi di Dublino, dove pare si spillino 9.800 pinte ogni ora durante il weekend.

La birra scura che troviamo in tutti i supermercati viene da lì.

Quella che nel tempo è diventata l’industria più fiorente d’Irlanda prese inizio nel 1759 in un deposito pressoché abbandonato. Oggi sul mercato si trova in diverse varietà, tutte tendenzialmente scure ma con aromi che vanno dall’amarognolo al caramellato e dalle note affumicate a quelle dolci.

Come funziona la pallina nelle lattine di birra e una ricetta originale irlandese preparata con la Guinness

Se ci si trova in un pub che serve la birra del famoso tucano si dovrà fare attenzione che venga rispettato il rituale di doppia spillatura. Il bicchiere a cono rovesciato con una pancia che si allarga subito sotto l’orlo va riempito solo fino ai tre quarti. Il becco dello spillatore durante questa prima fase deve toccare l’interno del bicchiere. La birra deve poi riposare per qualche minuto, lasciandola in qualche modo decantare. Successivamente il bicchiere verrà riempito con una spillatura a cascata, per ottenere una schiuma cremosa, compatta e vellutata.

Per ottenere un bilanciamento perfetto nel bicchiere viene utilizzata anidride carbonica per il 25% e azoto al 75%. L’industria ha inteso replicare un perfetto risultato anche in casa. Per questo nelle lattine di birra sono inserite le palline che tanto ci incuriosiscono. Si tratta di una capsula rotonda piena di azoto che si gonfia nel momento in cui la lattina viene stappata. Questa tecnica consente di ottenere una spillatura perfetta anche se non si è al pub.

Ecco una delizia per tutte le stagioni

La curiosità su come funziona la pallina nelle lattine che abbiamo in casa è stata soddisfatta. Non resta che trovare una soluzione per appagare il palato.

Le caratteristiche organolettiche di questa birra color rubino scuro provengono dall’orzo maltato, orzo torrefatto non maltato, luppolo e lievito. La sua particolarità al palato consente di utilizzarla per la preparazione di un gelato goloso da gustare in ogni stagione.

Dovremo avere a disposizione i seguenti ingredienti:

  • 6 tuorli d’uovo;
  • 125 g di zucchero;
  • 300 ml di panna light;
  • 150 ml di Guinness Draught;
  • 80 g di barrette di cioccolato al latte o fondente.

Come procedere

Posizionare una scodella, preferibilmente in acciaio, sopra una pentola piena d’acqua senza che la scodella tocchi l’acqua che andrà in ebollizione. Nella scodella unire i tuorli e lo zucchero e mescolare fino a quando lo zucchero non sarà sciolto. Poi rimuovere dal fuoco. Scaldare panna e birra in una padella antiaderente fino a ebollizione. Aggiungere il composto ai tuorli zuccherati e mescolare con una frusta. Addensare la crema nella padella antiaderente su fiamma bassissima. Trasferire la crema nella scodella in acciaio e, quando sarà completamente raffreddata, aggiungere il cioccolato in scaglie. La crema dovrà essere messa nel congelatore in un apposito contenitore per due ore. Avrà poi bisogno di una rimescolata e di essere tenuta in freezer fino a completo congelamento.

Una alternativa alle scaglie di cioccolato, o in aggiunta a queste, può essere l’utilizzo dell’uva sultanina.

Avremo un gelato originale che potrà essere conservato in freezer per 4 o 5 giorni.

Ecco come funziona la pallina nelle lattine di birra ma anche come avere un gelato originale e gustoso.

Lettura consigliata

Quando le patate possono essere tossiche e un segreto per cuocerle croccanti fuori e morbide dentro più una ricetta semplice e con poche calorie

Consigliati per te