Come evitare l’investimento che svuota il portafoglio e il conto in banca

ProiezionidiBorsa è sempre in prima linea per indirizzare i propri Lettori sulla strada della corretta interpretazione delle notizie e delle proposte finanziarie. Ecco come evitare l’investimento truffa che svuota il portafoglio e i risparmi di una vita. Che si parli di un milionario o un semplice risparmiatore il problema è sempre lo stesso: la fiducia e le promesse non bastano! Il caso che fa riflettere e ci consente di richiamare l’attenzione dei lettori è la truffa effettuata ai danni del noto allenatore Antonio Conte.

In particolare, una microscopica società la Kidman ha attratto svariati milioni di euro per finanziare un fondo di investimento londinese. Si dà il caso che lo stesso allenatore nostrano abbia investito decine di milioni (si parla di 30 milioni) attendendo un lauto guadagno mai arrivato. Anzi, quando il 30 giugno data stabilita per il pay off, non arriva alcun bonifico, inizia l’odissea.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 70% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

L’odissea di chi vive una truffa

Denunce, tabloid e tribunali vari. Ma ciò che risulta lampante è che la società Kidman aveva un capitale versato di 1 sterlina e nessuna autorizzazione della FCA, l’autorità inglese. Anzi nel Regno Unito raccogliere fondi è possibile ma senza alcuna specifica tutela giuridica essendo il tutto basato sulla FIDUCIA.

Il punto focale è proprio questo, il malcapitato aveva sicuramente tutte le possibili consulenze del caso a disposizione, ma si è basato sulla fiducia! La fiducia nell’individuo, nel rendimento e nei report tarocchi.  Si badi, tale fregatura è all’ordine del giorno, nessuno può pensare di esserne immune. E allora, cosa fare per evitare di perdere i propri risparmi e capire chi abbiamo difronte?

Come evitare l’investimento che svuota il portafoglio e il conto in banca

Il rapporto fiduciario è fondamentale, ma bisogna andare oltre, bisogna verificare l’affidabilità dell’azienda proponente. Chiaramente, il consiglio è quello di affidarsi ad Istituzioni se non si hanno competenze specifiche. Nel caso contrario, oltre alla capacità di valutare l’investimento bisognerà effettuare alcune analisi di natura patrimoniale ed economica.

Verificare innanzitutto la sede sociale dell’azienda. In quasi tutti i Paesi Europei le regole prevedono controlli istituzionali più o meno similari. Diverso il caso dell’extra UE, anzi occhio ai paradisi fiscali! Ad esempio le regole di composizione (requisiti) del capitale saranno diverse a seconda della giurisdizione.

Analizzare poi il capitale sociale dell’azienda proponente. È coerente rispetto alle attività poste in essere e rispetto ai progetti? Ma soprattutto in caso di perdite o domande di restituzioni di fondi, reggerebbe la richiesta?

Se non si tratta di banche quotate in Europa, verificare le eventuali referenze dei proponenti. Ad esempio non basta che il conto dell’azienda sia aperto presso la grande HSBC. Bisogna che ci sia un mandato a latere della stessa banca!

Ovviamente, come si ripete soventemente ai nostri Lettori, l’investimento dovrà essere coerente con la MIFID. Coerenza che rispecchia il binomio rischio rendimento. Ogni individuo ne ha uno diverso!

Infine è ben precisare che non esistono investimento a doppia cifra fuori mercato o che comunque non contemplino un certo grado di rischio. Ecco quindi come evitare l’investimento truffa che svuota il portafoglio e il conto in banca.

 

Approfondimento

In arrivo i soliti disagi e il cambio dell’IBAN per chi ha il conto in queste banche

Consigliati per te