Come evitare di prendere peso quando si smette di fumare

Un vademecum per capire come evitare di prendere peso quando si smette di fumare

E’ un dato comprovato dalla realtà dei fatti: chi smette di fumare tende a prendere peso. Ma stando a quanto dichiarato dai ricercatori del settore non esiste nemmeno un necessario automatismo tra le due cose. Per cui, forse, è più corretto dire che l’aumento di peso può accompagnarsi alla cessazione del vizio del fumo. Vediamo quindi come evitare di prendere peso quando si smette di fumare.

L’aumento di peso

Riferendoci alle statistiche, rese note dalla Fondazione Veronesi, i valori di tali incrementi di peso sembrano mediamente contenuti. Ciò significa che solo un’esigua percentuale di persone prende più del  20% del suo peso iniziale. Le cause possono essere molteplici, con gradazioni peraltro anche assai differenti da persona a persona. Quindi mai fare di tutte le erbe un fascio.

Il fattore comportamentale

Comunque tra i fattori che giocano un ruolo determinante nell’incremento del peso corporeo, si annovera la risposta comportamentale che si mette in campo per supplire alla mancanza di nicotina. In questa sorta di crisi di astinenza, fa la sua comparsa il cibo con la sua componente gratificante. Per cui il cibo diventa un semplice sostituto della sigaretta. Peraltro, si fa notare che in entrambi i casi, la via di introduzione resta sempre la stessa, vale a dire la bocca. E forse questo non è affatto un caso.

Il fattore nicotina

Gran parte del problema viene comunque fatto risalire alla nicotina, la quale tende a ridurre se non anestetizzare la percezione di sapori e odori. Così riattivandosi le normali percezioni connesse all’assunzione di cibo, si tenderà a reintrodurre questo piacere della vita, anche per sopperire al vuoto lasciato dalla sigaretta. Legato alla nicotina c’è anche l’aspetto metabolico, infatti la nicotina tende ad “accelerare” e modificare alcuni metabolismi. Pertanto, in sua assenza, il metabolismo tenderà a rallentare, con la conseguente comparsa di qualche chilo di troppo.

Come evitare di prendere peso quando si smette di fumare.  Strategie d’intervento

Il primo obiettivo sarà quello di riportare una sorta di bilanciamento tra entrate e uscite di calorie. A tal fine risulteranno fondamentali due passaggi, vale a dire: regolamentare l’alimentazione e incrementare l’attività fisica. I medici tendono comunque a tranquillizzare sul fatto che col tempo, l’organismo, privato di nicotina, tenderà a stabilizzarsi su un suo nuovo equilibrio. Come dire che, in casi del genere, va dato tempo al tempo.

Tra i consigli “pronto uso”, tenere a disposizione cibi poco calorici ma che impegnano la masticazione. Per cui, via libera anche agli spuntini fuori orario con cui si tende a compensare la mancanza della sigaretta, con la ritualità ad essa associata, ma a una condizione. Che si opti, cioè, per cibi sani come frutta e verdura. Un’idea potrebbe essere quella di sgranocchiare qualche carota cruda, se ne trovano anche in confezioni monodose da borsa. O un frutto dalla polpa consistente, altrimenti un mix di frutta secca, o un frullato di frutta che combinerà liquidi e nutrienti.

A livello psicologico, non sarebbe poi male interpretare questo stop alle sigarette, come un periodo di  cambiamento e di miglioramento per uno stile di vita più salutare. E perché no, anche come un atto di amore verso se stessi e verso i propri polmoni e il proprio respiro. Poi se ad un regime alimentare più sano e ipocalorico si associa anche del moderato e costante esercizio fisico, ci sono tutte le condizioni per ripartire alla grande. Ecco dunque come evitare di prendere peso quando si smette di fumare.

 

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te