Come educare il nostro amico a quattro zampe

Oggi giorno sono tante le famiglie o le persone che vivono da sole che decidono di volere un animale da compagnia.

La scelta varia dai cani ai gatti, conigli o serpenti, poco importa, l’importante è che rispecchino la nostra personalità.

L’animale da compagnia sicuramente apporta alla nostra vita tantissimi benefici.

Nel caso del cane, grazie alle passeggiate ci permette di svolgere un’attività fisica regolare e di godere di più degli spazi aperti presenti nelle nostre città. Si pensa spesso a quali siano i comandi più semplici da insegnare loro, ai giochi da fare assieme, ed anche a come educare il nostro amico a quattro zampe. Vi sono coloro che ricorrono all’utilizzo di siti e blog per capire come educare il nostro amico a quattro zampe, altri si riferiscono all’esperienza di amici o parenti.

Accanto a tutti questi pratici consigli, esistono anche coloro che ricorrono ad una figura professionale basandosi sul motto “Ad ognuno il suo mestiere”. Il mondo cinofilo comprende una molteplicità di figure professionali che spesso confondono i proprietari che ricercano la figura migliore da inserire nelle loro vite. La ricerca dev’essere accurata, poiché facilita l’interazione con il proprio amico quadrupede, inoltre le figure professionali non hanno la stessa competenza.

Di fatti ognuno di questi professionisti ha obiettivi e finalità ben precisi.

Alla domanda “Qual è la differenza tra educatore cinofilo e comportamentalista?” non sempre si trova una soluzione univoca e non sempre è facile scegliere.

Cinofilo vs comportamentalista

L’educatore cinofilo ha un ruolo esclusivamente educativo e si rivolge al nostro amico fido ma anche al proprietario.

Cerca di far comprendere a quest’ultimo quali siano i comportamenti corretti da attuare cosi da non generare difficoltà di comprensione per il cane. Indica quali siano i comportamenti più corretti da attuare, sia negli spazi interni come l’abitazione sia gli spazi esterni, come un parco. Sicuramente il ruolo dell’educatore cinofilo è molto importante, rappresenta una sorta di figura di intermediazione tra le parti.

Insegna ad affrontare la convivenza con il proprio cane, a capire gli aspetti psicologici e a rafforzare il rapporto uomo-cane. Ciò che dovrebbe garantire è l’instaurarsi di un ambiente sereno e soddisfacente per il cane ed  anche per il padrone.

L’educatore comportamentalista

Il comportamentalista invece è quella figura professionale che viene interpellata se il nostro amico quadrupede presenta dei problemi comportamentali. Tale professionista è un veterinario specializzato in medicina comportamentale, questa nasce in Texas nel 1995 e si sta affermando molto negli ultimi tempi. Lavora principalmente sulla psicologia dell’animale per poter comprendere al meglio quali siano le origini di fobie, atteggiamenti aggressivi o di iperattività.

La differenza è che il primo cerca di risolvere i problemi legati all’educazione del cane, mentre il secondo interviene se è presente un problema comportamentale. Ricordiamo che i problemi comportamentali possono derivare da molteplici fattori. Oltre ad cattiva educazione, può incidere il non soddisfare a pieno le sue esigenze, poca socializzazione con altri cani e tanto altro. Per questa ragione si cerca di delineare cosa bisogna sapere prima di adottare un cane.

Prima di tutto, comprendere se si è in grado di prendersene cura per tutta la sua vita.

Consigliati per te