Come e quando potare questo fiore meraviglioso che impreziosisce i nostri giardini e tutti gli errori da evitare assolutamente

Tra le piante ornamentali, una delle piante che trova ampio spazio in giardini, spazi aperti e residenze private è la magnolia. La magnolia è un arbusto sempre verde che richiede regolari interventi di potatura. Le varietà di questa pianta sono molte e non tutte hanno bisogno di essere potate.

Originaria dell’America e dell’Asia Orientale, la pianta, comprende circa 80 diverse varietà e appartiene alla famiglia delle Magnoliacee. Il suo sviluppo richiede tempo, ma può con il tempo arrivare a un’altezza di 25 metri.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch

L’effetto ornamentale della magnolia è innegabile, a condizione che si sappia trattare la pianta e si sappia intervenire quando è necessario con la potatura.

I tagli devono essere effettuati in maniera lieve sulle piante giovani, per poi intervenire in maniera regolare fino all’età adulta.

Ecco come e quando potare questo fiore meraviglioso che impreziosisce i nostri giardini e tutti gli errori da evitare assolutamente.

Quali magnolie potare

Per quanto riguarda le varietà decidue, l’intervento non è necessario perché queste piante perdono autonomamente le foglie.

La varietà delle magnolie sempre verdi invece, deve essere potata per abbellirne la forma e contenerne la crescita, stimolando la fioritura. La potatura deve partire dai rami esterni della chioma e deve conferire ala pianta una forma piramidale.

I tagli devono essere lievi e non drastici, per non rischiare di lasciare ferite nella pianta difficilmente rimarginabili.

È necessario inoltre rimuovere i rami secchi, rotti o danneggiati.

Per conferire questa forma alla pianta, sono necessari svariati tagli e passaggi, da attuare poco alla volta.

La magnolia è una pianta che raggiunge dimensioni importanti e la sua potatura deve avvenire tramite adeguati strumenti. Gli strumenti di taglio più indicati sono il segaccio e il troncarami.

Questi attrezzi devono essere disinfettati, immergendoli per una mezz’ora in una bacinella di acqua ossigenata.

E questo deve avvenire sia prima, che dopo la potatura.

Quando potarla

La magnolia deve essere potata a fine inverno, dopo la sua fioritura.

Il periodo più indicato sono i primi giorni di giugno, prima dell’arrivo del caldo afoso. Nel periodo invernale è sconsigliata perché si rischia di far raggelare i rami tagliati; bloccando in alcuni casi la fioritura della pianta.

La potatura estiva invece alleggerisce la chioma e fa respirare meglio la pianta, stimolandone la crescita successiva e rafforzando la resistenza del fusto e dei rami.

Ecco come e quando potare questo fiore meraviglioso che impreziosisce i nostri giardini e tutti gli errori da evitare assolutamente.

Consigliati per te