Come disinfettare una puntura di insetti e cosa evitare per scongiurare danni alla pelle

La sorpresa è sempre in agguato e una fastidiosissima puntura d’insetti può infastidire le nostre giornate. Per evitare facili e persistenti inestetismi che possono essere provocati dalla puntura occorre conoscere delle semplici e pratiche misure da adottare.

Innanzitutto, dobbiamo sapere se siamo allergici perché in questo caso il trattamento deve essere di tipo farmacologico e su indicazione del medico. In condizioni di normalità, invece, ci sono dei piccoli accorgimenti che possiamo adottare.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina Fit, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Smartwach XW6

Come disinfettare una puntura di insetti e cosa evitare per scongiurare danni alla pelle

Consideriamo, a titolo esemplificativo, la puntura di ape o vespa e la reazione di tipo non allergica. La nostra pelle può reagire con un rigonfiamento e con il senso di forte prurito e bruciore.

L’Ospedale Bambino Gesù di Roma, in una puntuale disamina sulle punture di insetti, suggerisce di applicare una crema antinfiammatoria. Ma prima possiamo disinfettare la zona interessata.

Testate di settore suggeriscono di igienizzare il sito con acqua ossigenata o euclorina; di tenere ferma la zona in cui si è stati punti e, se riusciamo, dovremo immergere la parte interessata in acqua fredda, o applicare il ghiaccio, per evitare che l’assorbimento della sostanza velenosa si estenda e per ridurre il dolore.

Comportamenti da evitare

Per evitare abrasioni o segni persistenti è importante resistere alla tentazione di grattarsi e non incidere con le unghie. Intanto, per prevenire, l’Ospedale Bambino Gesù suggerisce l’uso di prodotti repellenti sulla parte di corpo scoperta e sugli abiti.

Sicuramente è bene evitare profumi anche di permanere a lungo vicino ad alimenti o bevande molto dolci. Ed ecco come possiamo disinfettare una puntura di insetti e cosa dobbiamo assolutamente evitare per scongiurare danni ulteriori e segni persistenti sulla pelle.

Infatti, occorre educare soprattutto i bambini affinché evitino di grattarsi. Ed è importante tagliare spesso le unghie per evitare il propagarsi di batteri.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te