Come cucinare una pasta ai frutti di mare cremosa come al ristorante

Durante l’estate le nostre papille gustative ci chiedono a gran voce piatti a base di pesce, che ci ricordano il mare e le vacanze ovunque ci troviamo. Non tutti, però, riescono a realizzare un piatto di mare davvero gustoso, anche se si tratta di una semplice ricetta per la pasta.

Noi, però, non perdiamoci d’animo e mettiamoci ai fornelli sfruttando tutti i trucchi che ci permetteranno di ottenere un piatto di pasta a base di pesce che sia cremoso e gustoso come al ristorante.

Ingredienti

  • Penne rigate 320 g;
  • datterini 300 g;
  • cozze pulite 500 g;
  • gamberi rossi 12;
  • vongole pulite 500 g;
  • aglio 4 spicchi;
  • scorza di limone ½;
  • vino bianco ¾ bicchiere;
  • olio extravergine d’oliva q.b.;
  • prezzemolo 1 mazzetto;
  • sale fino q.b.;
  • pepe nero q.b.

Come cucinare una pasta ai frutti di mare cremosa come al ristorante

Mettiamo dell’acqua a bollire per la pasta e occupiamoci del condimento. Questo sarà molto semplice, ma per questo l’ideale sarebbe usare degli ingredienti freschi e saporiti. Quindi, facciamo in modo di acquistare la mattina stessa pesce e molluschi appena pescati. In questo modo, il risultato sarà davvero eccezionale.

Posizioniamo sul fornello e un tegame capiente, versando sul fondo un abbondante filo d’olio. Aggiungiamo l’aglio e accendiamo la fiamma alla potenza media.

Dopo aver pulito le cozze e aver spurgato le vongole, mettiamole direttamente in padella. Versiamo anche il vino all’interno e chiudiamo con un coperchio.

Nel frattempo, tritiamo il prezzemolo e mettiamolo da parte. Prendiamo invece i gambi e mettiamoli in padella insieme ai molluschi. Alziamo la fiamma e aspettiamo che vongole e cozze si aprano naturalmente. Appena la maggior parte si saranno dischiusi, spegniamo il fornello.

Ora, eliminiamo le conchiglie che non si sono aperte e separiamo le altre dal loro contenuto. Mettiamo in una ciotola vongole e cozze prive dei loro gusci, che potremo buttare nel cestino. Attenzione, però, a non buttare via anche l’acqua di cottura. Questo infatti è un errore che fanno in molti, perché in realtà è qui che si nasconde gran parte del sapore.

Filtriamo quest’acqua e aggiungiamone una parte ai molluschi sgusciati. Poi, nella stessa padella mettiamo dell’altro olio insieme ai pomodorini tagliati a metà. Versiamo la parte restante dell’acqua delle cozze e delle vongole, per poi abbassare la fiamma e chiudere con il coperchio.

Lasciamo cuocere i pomodorini per una decina di minuti, che potremmo poi ridurre in crema con un frullatore ad immersione. Assaggiamo e aggiustiamo di sale e pepe.

A questo punto, puliamo i gamberi rimuovendo le teste e il filo intestinale. Mettiamoli in una ciotola insieme alla scorza di limone.

Come estrarre il sapore del mare

Adesso, però, è il momento estrarre davvero il sapore del mare utilizzando le teste dei gamberi. Mettiamole in un frullatore insieme a un filo d’olio, sino a ridurle in pasta. Setacciamo sia questa che la salsa di pomodoro e mettiamo quest’ultima in una pentola insieme a due mestoli di acqua bollente. Qui cuoceremo le penne, che saranno pronte quando il liquido sarà assorbito. Se così non è, scoliamone una parte e passiamo a condire la pasta.

Aggiungiamo i molluschi, il prezzemolo tritato, il concentrato delle teste di gambero, i gamberi crudi e un filo d’olio.

Ecco, quindi, spiegato come cucinare una pasta ai frutti di mare davvero indimenticabile. Per concludere il pasto in bellezza, poi, potremmo preparare un dessert semplice e fresco a base di frutta di stagione.

Lettura consigliata

Usiamo le more per cucinare torte deliziose con una ricetta molto semplice

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te