Come cucinare la calamarata con calamari, gamberi e zucchine

Tanti sono i piatti gustosi che si possono portare in tavola quando si è in famiglia o quando vi sono ospiti. Oltre a secondi e antipasti, spesso si punta su un primo piatto. D’altronde, i primi spesso sono pratici e veloci da cucinare, tanto più quando abbiamo parecchia gente a pranzo o a cena.

Il primo per antonomasia è sicuramente la pasta. Ne esistono di diversi formati che ben si prestano ad altrettanti e più condimenti. In particolare, ve n’è un tipo il più delle volte servito col pesce, la calamarata.

Cos’è la calamarata

La calamarata è un tipo di pasta tipico del Sud Italia, precisamente delle zone di Napoli. È una pasta liscia molto simile ai pacchetti ma più corta. Infatti, prende il proprio nome dalla forte somiglianza con gli anelli di calamaro.

Classico abbinamento della calamarata è col pesce. Naturalmente, ci si può sbizzarrire e optare per i prodotti ittici che si preferiscono. È abitudine, però, mettervene di diversi tipi. Anche il condimento potrà variare, ad esempio si potrà gustare con un pesto di pistacchi senza formaggio e basilico. Oltre al pesce, poi, potremmo unirvi anche qualche verdura. È il caso di una ricetta davvero squisita e facile che farà leccare a tutti i baffi.

Come cucinare la calamarata con calamari, gamberi e zucchine

Ci serviranno:

  • 2 zucchine;
  • 3 calamari abbastanza grandi;
  • 300 g di gamberi;
  • 150 g di pomodorini gialli;
  • 320 g di calamarata;
  • 1 spicchio di aglio;
  • olio extravergine di oliva;
  • trito di cipolla, sedano e carota;
  • sale;
  • pepe nero;
  • prezzemolo tritato.

La ricetta

Come prima cosa, dovremo pulire il pesce. Cominciamo dai calamari. Rimuoviamo il beccuccio e gli occhi, puliamo poi l’interno e i tentacoli, vi elimineremo ventose e pelle. Rivoltiamo il calamaro e laviamolo sotto l’acqua per rimuovere la pelle interna e possibili residui. Sciacquiamolo per bene interamente e affettiamolo in rondelle.

Occupiamoci dei gamberi. Tagliamo le teste, sciacquiamole sotto l’acqua e teniamole da parte. Togliamo il filetto che corre lungo il corpo e scartiamo il carapace. Laviamo le zucchine e tagliamole a cubetti.

Irroriamo abbondante olio in una padella e facciamo soffriggervi lo spicchio d’aglio con le zucchine e i calamari. Intanto, poniamo sul fornello la pentola con l’acqua per la pasta e un altro pentolino con un po’ d’olio. In quest’ultimo soffriggeremo le teste dei gamberi con il trito. Vi aggiungeremo, poi, qualche mestolo d’acqua, che faremo bollire così da ottenerne un brodo.

Intanto, togliamo lo spicchio d’aglio dalla padella, facciamo prendere colore ai calamari e poi solleviamoli, teniamoli da parte per ultimarne, poi, la cottura.

Uniamovi il brodo fatto con le teste, dopo aver filtrato quest’ultime. Facciamolo consumare e aggiungiamo, poi, i pomodorini gialli tagliati a metà. Saliamo. Quando i pomodorini si ammorbidiranno e rilasceranno il succo, riaggiungiamo i calamari. Facciamo cuocere.

Cuociamo la pasta e completiamo il piatto

Quando l’acqua della pasta bolle saliamo e caliamovi la calamarata, lasciamo cuocere seguendo i tempi di cottura previsti. Qualche minuto prima di scolare la pasta, uniamo i gamberi al condimento per farli cuocere.

Giunto il momento di scolare la calamarata, prendiamo un mezzo mestolo di acqua di cottura da aggiungere al condimento. Scoliamo la pasta e saltiamola nella padella a fiamma media. Spegniamo il fornello e mescoliamola. Guarniamo con prezzemolo e pepe nero, portiamo in tavola.

Ecco, quindi, come cucinare la calamarata con calamari, gamberi e zucchine.

Lettura consigliata

Piatto leggero e fresco da portare al mare e mangiare in spiaggia

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te