Come cucinare con le erbe selvatiche

Un approfondimento su come cucinare con le erbe selvatiche.

Volete mangiare qualcosa di diverso senza spendere nulla? Magari divertendovi pure mentre passeggiate in mezzo alla natura? Scopriamo insieme come cucinare con le erbe selvatiche.

Come cucinare con le erbe selvatiche

Uno dei modi più popolari di introdurre le erbette selvatiche nella nostra dieta è utilizzarle in una gustosa frittata. Nel caso si utilizzino fiori o semi della pianta basterà aggiungere quest’ultima parte nell’uovo crudo prima di mettere a cucinare. Altrimenti, se si vogliono usare foglie o radici si consiglia di sbollentare prima, tritare e solo successivamente mescolare con l’uovo.

Le zuppe

Un altro semplice modo di sfruttare le erbe selvatiche può essere invece in zuppe. In questo caso fate la zuppa vera e propria con le foglie verdi della pianta che avete scelto. Può essere adatta sia l’ortica che la borragine o la piantaggine per esempio. Bollite le foglie fino a che saranno morbide e facilmente frullabili. Se preferite una zuppa più densa aggiungete fin da subito anche della patata, una volta frullata l’amido addenserà la vostra zuppa subito.

Hai provato le erbe al forno?

Alcune erbette di campo si prestano anche ad essere cotte nel forno. Pensiamo ad esempio alle foglie di dente di leone, con una passata d’olio e un po’ di sale, si possono far appassire in forno per renderle più facilmente masticabili in un batter d’occhio!

Fresche in insalata

Non tutte le erbe selvatiche si prestano ad essere consumate crude, ma esistono delle eccezioni. Ad esempio la portulaca, una pianta selvatica che cresce abbondante negli orti. Specialmente a fianco ai pomodori, è un perfetto esempio!

Condite le foglie e tagliatele grossolanamente, aggiungetele al resto della vostra insalata e il gioco è fatto!

Massima attenzione!

Prima di cogliere un’erba selvatica assicuratevi che sia esattamente quello che pensate. Assicuratevi inoltre che l’erba selvatica che state cogliendo sia lontano da fonti di smog o inquinamento e non sia stata sottoposta a trattamenti chimici.
Una volta che sarete sicuri non possiamo far altro che augurarvi buon appetito!

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te