Come conservare perfettamente il cavolfiore crudo o cotto e riutilizzarlo come fresco con questo trucchetto facile e geniale

Tra gli ortaggi simbolo dell’inverno non manca sicuramente il delizioso cavolfiore. Saporito com’è, diventa l’alimento principe di numerosi piatti e ricette. Se vogliamo che questo ortaggio duri a lungo e non marcisca, però, dobbiamo sapere come conservarlo nel modo corretto. Sembra semplice, ma non è così scontato.

Solo con la giusta tecnica che illustreremo a breve potremo reimpiegarlo in un cremoso risotto invernale o per un contorno in padella coi fiocchi. Scopriamo, dunque, in pochi passi qual è il metodo da adottare per mantenere per mesi la bontà del nostro cavolfiore.

Come conservare perfettamente il cavolfiore crudo o cotto e riutilizzarlo come fresco con questo trucchetto facile e geniale

Non serve fare tanti giri di parole per spiegarlo: il metodo migliore per conservare il cavolfiore e poterlo gustare nel lungo periodo è il congelamento. Ciò che dobbiamo sapere è, però, che non è sufficiente riporre in freezer l’alimento senza un minimo di criterio. Per ottenere i risultati sperati dovremmo agire in modo furbo.

Come fare quindi? Prima di tutto dobbiamo decidere se vogliamo cuocere l’ortaggio o conservarlo ancora crudo. Non cambia molto, ma senza cuocerlo probabilmente diventerà un po’ più molliccio.

In ogni caso, l’opzione migliore si rivela quella dello sbianchimento. Prepariamo una pentola con dell’acqua calda. Facciamola bollire, poi adagiamo le cime del cavolfiore. Versiamo anche qualche goccia di limone, qualora utilizziamo la variante viola di questa verdura.

Dopo 5 minuti in pentola spegniamo il fuoco, scoliamo le cime e le asciughiamo su uno straccio asciutto che avremo disposto sul tavolo. Una volta freddo possiamo mettere in freezer il cavolfiore. Per farlo possiamo decidere se riporre i pezzi direttamente negli appositi sacchetti o congelarli prima su un vassoio.

Ecco come conservare perfettamente il cavolfiore crudo o cotto e riutilizzarlo come fresco con questo trucchetto facile e geniale. In questo modo dovremmo averlo a disposizione anche per 6 mesi.

Una ricetta veloce

Il cavolfiore congelato si può utilizzare allo stesso modo di quello fresco. Proviamolo, ad esempio, in un delizioso purè fatto in casa. Per prepararlo dovremo innanzitutto stufare le cime per circa 20 minuti in una pentola con coperchio.

Terminata la cottura le scoliamo e le frulliamo fino a ottenere un composto denso e cremoso. Scaldiamolo sul fuoco lento insaporendolo con un pizzico di sale, parmigiano e le spezie o le erbe che preferiamo. Infine, poco per volta aggiungiamo anche il latte, continuando a mescolare. Ed ecco il nostro prelibato purè da servire come gustoso contorno invernale.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te