Come conservare la radice di zenzero più a lungo e sempre fresco

Lo zenzero è una radice che ha dato prova dei suoi benefici. Le sue proprietà sono immense: antipiretico, antinfiammatorio, digestivo e rilassante, riscaldante e multivitaminico.

Che si usi per preparare tisane calde, oppure spremuto in un frullato, come ingrediente per piatti dolci e salati o nelle marinature. Lo zenzero trova il suo posto anche nella cosmetica naturale. Ecco perché ogni persona dovrebbe conservarne un pezzo in casa per usarlo all’occorrenza.

Per conservare la radice fresca, affinché non venga sprecata, ci sono vari metodi efficaci. Se mal conservata, la radice rischia di seccarsi e perdere le sue caratteristiche. Per prima cosa, quindi, è necessario acquistare zenzero fresco notando che sia umido e polposo. Una guida su come conservare la radice di zenzero più a lungo e sempre fresco in tre modi.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Oil Free Fryer, la vera friggitrice ad aria

Scopri il prezzo lancio

Friggitrice Fryer

In frigorifero o congelato

La radice di zenzero, se consumata con parsimonia, allunga la sua vitalità se conservata in frigorifero. In questo modo si potranno staccare dalla parte centrale i pezzi utili e ricavarne il succo. Nel frigo, lo zenzero dovrà essere avvolto in un sacchettino di carta. Da questo si cercherà ogni volta di eliminare l’aria in eccesso. Il sacchetto deve poi essere posizionato nella parte bassa del frigo.

La conservazione in questo modo avrà una lunga durata (circa 1 mese).

Se invece si usa lo zenzero per tisane e ricette conviene congelarlo. Basterà pelarlo, tritarlo (ma anche tagliarlo a fettine o in piccoli pezzi) e metterlo in contenitori chiusi e poi nel freezer. Si possono usare anche i soliti sacchettini per surgelatore eliminando l’aria in eccesso. Una volta congelato, lo zenzero si mantiene anche per 3 mesi.

Come conservare la radice di zenzero più a lungo e sempre fresco

Se s’intende consumare lo zenzero in pochi giorni o nelle settimane successive esiste un’altra tecnica. Questa consiste nel riporre lo zenzero in un sacchetto di carta o in un tovagliolo. La carta lo preserva dalla secchezza ma anche dall’umidità.

Ma ecco una tecnica poco conosciuta e utilizzata: conservare la radice di zenzero in barattolo sotto succo di limone o aceto. È conveniente sbucciarlo e sommergere la radice col succo scelto. È vero che in questo caso il gusto dello zenzero può modificarsi in base alla soluzione con cui è stato conservato. Per esempio l’aceto potrà alterare il gusto facendogli perdere il caratteristico pizzicore.

Approfondimento

Profumatissima zucca grigliata sott’olio per un contorno saporito e leggero

Consigliati per te