Come conservare il basilico fresco evitando che diventi nero

Una guida su come conservare il basilico fresco evitando che diventi nero.

ProiezionidiBorsa TV

Un piatto di pasta al pomodoro e basilico e la svolta a tavola è assicurata. Una semplificazione che presuppone però almeno due ingredienti di qualità. Quali? Sicuramente il pomodoro e il basilico. Due prodotti dell’orto su cui però merita fare, un attimo, mente locale. Concentrando la nostra attenzione sul basilico fresco, c’è subito un problema da affrontare, ovvero la sua tendenza ad annerirsi. Vediamo quindi come conservare il basilico fresco evitando che diventi nero.

Perché il basilico fresco cambia colore

Le foglioline di basilico, raccolte fresche dall’orto, sono di un verde marcato e di un profumo molto intenso. Ma la colorazione, come sarà capitato a molti, potrebbe mutare nel giro di poco. Questo è dovuto ad un fenomeno chiamato ossidazione. Tra i fattori che militano all’ossidazione, vanno annoverati tanto l’ossigeno che le alte temperature. Che fare dunque? Le soluzioni possono essere essenzialmente due. Vediamo quali.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 70% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Il sistema sott’olio

Per evitare che il basilico resti esposto all’ossigeno, un buon rimedio che le massaie più navigate conoscono, è quello di metterlo sott’olio. La procedura da eseguire è molto semplice: basterà lavare le foglioline, asciugarle con un panno fino a completo assorbimento. A questo punto, si procederà ad immergere le foglioline intere, o ridotte in piccoli pezzi, all’interno del contenitore dell’olio. E’ preferibile usare olio extra-vergine, tenuto in frigo. Quanto poi allo sminuzzamento delle foglioline, è raccomandabile evitare l’uso di lame, preferendo invece l’uso diretto delle mani. L’olio, così ottenuto, si rivelerà un ottimo condimento per insalate, carpacci di verdure e bruschette al pomodoro.

Il sistema della congelazione

Se invece non si gradisce il mix in olio, un altro sistema, che si rivela ottimo nella conservazione del basilico anche d’inverno, è la congelazione. Anche qui i passaggi sono pochi e semplici. Una volta staccate le foglioline dalla pianticella, andranno lavate sotto l’acqua corrente e passate in un panno fino a totale assorbimento delle goccioline. Quando saranno asciutte, basterà stendere, una da una, le foglioline su un vassoio ricoperto di carta forno e infilarle nella celletta del congelatore.

Una volta congelate, basterà riunirle in una bustina adatta al freddo e richiudere il tutto. Via via che si intenderà farne uso, sarà sufficiente estrarre la quantità necessaria per profumare i sughi invernali. Un escamotage, questo, che consente di godere dei sapori estivi anche d’inverno. Si eviterà altresì di dover ricorrere alle “brutte copie” di basilico preconfezionato in vendita.

Consigliati per te