Come conservare i funghi più a lungo e come utilizzare i porcini in cucina

funghi

Tra i prodotti tipici dell’autunno troviamo, ai primi posti, le castagne ma anche i funghi. Molti si dilettano nella raccolta nei boschi mentre altri si limitano ad acquistarli. Spesso, infatti, nei mercati rionali o nel supermercato è possibile trovare funghi porcini di prima qualità da utilizzare in decine di modi in cucina. La raccolta, invece, è regolamentata e soggetta ad alcuni obblighi. Senza soffermarsi su questo ci si concentrerà su conservazione e utilizzo in cucina. I funghi, infatti, possono essere cucinati come antipasto ma anche come primo o secondo. Un modo molto interessante di preparali li vede abbinati alla carne cruda o alle tagliatelle. Alla loro bontà, però, si contrappone la rapidità in cui si rovineranno. Infatti, i tempi di conservazione dei funghi sarà molto breve e, ben presto, ci si troverà a fare i conti con cibo avariato. Per questo motivo gioca un ruolo fondamentale anche la corretta conservazione. Ma come si conservano i funghi per alcuni giorni senza favorire il proliferare di muffe? Esistono diversi modi per conservare i porcini e, in generale i funghi.

Come conservare i funghi più a lungo

Per conservare i funghi porcini non c’è niente di meglio di un frigorifero. In questo modo si potranno conservare anche per 4 giorni, Si sconsiglia, però, di chiuderli in sacchetti ermetici dal momento che in quelle condizioni produrranno muffe più velocemente. Oltre a consigliare di consumare i funghi appena comprati e ancora freschi, poi, si consiglia di limitarne il congelamento. In questo modo, infatti potrebbero perdere il sapore.

In ogni caso se si volesse provare il congelamento si consiglia di tagliare prima i funghi in pezzettini da sistemare in buste di plastica. Così si conserveranno anche un anno. Prima di utilizzarli sarà necessario rimuovere la terra eventualmente depositata sui funghi e tutte le impurità. Se congelati, poi, sarebbe meglio evitare di scongelarli completamente prima di consumarli. Meglio, poi, non lavarli sotto l’acqua perchè tenderanno ad assorbire molto liquido che andrà a rovinare le fasi successive di preparazione. Uno dei metodi più interessanti per conservare i funghi è quello di procedere con l’essiccazione da farsi con appositi macchinari. Sono questi i trucchi utilizzati, perfetti per chi si chiede come conservare i funghi più a lungo.

Come utilizzare i porcini

I porcini, poi, si prestano alla preparazione di svariate ricette e, soprattutto, piacciono a moltissime persone. Tra i piatti migliori da preparare con i porcini troviamo l’abbinamento con le melanzane. Sui primi i porcini saranno perfetti abbinati a formaggi come il pecorino ma anche alle patate in forma di flan. Un modo più gourmet per portare in tavola i porcini è, dopo aver preso un tomino, arrostircelo sopra. Sarà sufficiente rosolare i porcini prima di sistemarli sui tomini. Il mare si sposa benissimo con i funghi, specialmente quando si opta per dei deliziosi tagliolini di polpo con funghi porcini. Oltre a questa ottima la vellutata di crostacei con porcini.

Se si è in procinto di preparare un secondo piatto, invece, si potrà optare per delle costolette o una tagliata da abbinare ai funghi. Ancora, un piatto freddo ma pieno di gusto è l’insalata nata dall’abbinamento tra porcini, feta e patate. Oltre a questi modi, poi, ne esisteranno tantissimi altri per portare in tavola i porcini in tutta la loro bontà.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te