Come congelare i frutti di mare preservandone il sapore

I frutti di mare difficilmente mancano in un menu di pesce, sono molluschi prelibati, saporiti e profumati.

Appartengono a questa categoria vongole, telline, lupini, tartufi, ostriche, cozze, capesante, cannolicchi.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
La nuova friggitrice ad aria che amerai: zero odori, zero schizzi

SCOPRI IL PREZZO

Oil free

I frutti di mare sono ricchi in proteine nobili, vitamina B, fosforo, omega 3, sali minerali.

I molluschi devono essere di un colore brillante e acquistati vivi, le due conchiglie devono essere ben chiuse o tendere a chiudersi se toccate, non devono avere un cattivo odore.

Non forzare le conchiglie chiuse, ma gettarle via.

Se certi della provenienza e freschezza i frutti di mare possono essere consumati sia crudi che cotti.

Si prestano bene a tantissime ricette, sono molto versatile e deliziosi.

Cavalli di battaglia della cucina italiana sono il famoso risotto ai frutti di mare, linguine allo scoglio con cozze e vongole, spaghetti con le cozze e una grande varietà di antipasti.

I frutti di mare possono essere congelati sia cotti che crudi, mantenendo integro il loro sapore.

Una grande comodità avere sempre delle  gustose vongole pronte da essere cucinate in qualsiasi momento, già spurgate e pulite senza sabbia.

Ecco come congelare i frutti di mare preservandone il sapore

Sciacquare i frutti di mare più volte, strofinando bene i gusci, buttare via quelli rotti, aperti o quelli che emanano un cattivo odore.

Procurarsi, se possibile, al momento dell’acquisto in pescheria acqua di mare, in alternativa versare e mescolare bene in un contenitore 40g di sale fino per ogni litro di acqua.

Mettere i molluschi in un colapasta immerso nel contenitore colmo di acqua.

Lasciare spurgare tutta la sabbia al loro interno per 3-4 ore, se necessario ripetere la procedura più volte, poi alzare dall’acqua e risciacquare.

Procurarsi del sacchetti di plastica con chiusura ermetica, e congelare.

È consigliabile consumare il prodotto entro 20 giorni dalla data del congelamento.

È possibile congelare i frutti di mare cotti effettuando le stessa procedura di lavaggio e spurgo già descritta.

Mettere poi i molluschi in una casseruola, coprire e far cuocere a fiamma viva per 5/6 minuti fino alla loro apertura.

Estrarre i frutti dalle conchiglie, filtrare il liquido di cottura, far raffreddare, lasciandone qualcuno intero.

Mettere il tutto in un contenitore e congelare.

Al momento dell’utilizzo far scongelare le vongole nel frigorifero, e consumarle secondo la propria ricetta.

In questo modo è possibile congelare i  frutti di mare preservandone il sapore.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te