Come capire se si è intolleranti al lattosio

L’Associazione Italiana Latto-Intolleranti stima che circa il 50% della popolazione italiana sia intollerante al lattosio. L’incidenza dell’intolleranza varia molto a seconda delle regioni: ci sono meno intolleranti al centro e al nord.  Il lattosio è uno zucchero presente nel latte e che l’essere umano riesce a digerire grazie alla lattasi.

Le persone intolleranti al lattosio non hanno l’enzima della lattasi e quindi non riescono a separare in due questo zucchero del latte. Il lattosio non digerito dà fastidiosi problemi che possono essere di entità diversa. Se l’intolleranza è leggera è difficile accorgersi dei sintomi. Invece in caso di intolleranze gravi è quasi impossibile non farci caso. Ma come capire se si è intolleranti al lattosio?

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

I sintomi dell’intolleranza

La mancata digestione del lattosio può creare problemi non solo all’apparato digerente. Infatti, tutto il corpo è coinvolto. I sintomi infatti sono davvero vari. Se si tratta di un’intolleranza grave, l’individuo accusa uno o più sintomi a partire da trenta minuti dal pasto. Attenzione: i sintomi possono anche comparire più tardi, di solito fino a quattro ore dopo aver mangiato alimenti contenenti lattosio. Ecco i sintomi dell’intolleranza al lattosio:

a) Dolori addominali

b) Diarrea

c) Flatulenza

d) Gonfiore addominale

e) Stitichezza

f) Nausea

g) Acne

h) Stanchezza

i) Mal di testa

Se accusiamo regolarmente questi sintomi, è necessario eseguire alcuni esami per capire se si è davvero intolleranti al lattosio.

Come capire se si è intolleranti al lattosio?

L’esame ora più diffuso ed efficace è il cosiddetto “H2-Breath Test”. Innanzitutto al paziente vengono somministrati dai 20 ai 50 grammi di lattosio. Poi, gli viene chiesto di soffiare in una sacca ad intervalli regolari: ogni mezz’ora per tre o quattro ore. Analizzando la quantità di idrogeno presente nelle sacche sarà possibile capire se il paziente è intollerante al lattosio o no.

Se si scopre di essere intolleranti al lattosio non bisogna preoccuparsi. Bisogna tenere conto che non ci si dovrebbe privare totalmente dei formaggi: non tutti contengono lattosio. Per esempio, il Parmigiano Reggiano è naturalmente privo di lattosio e può quindi rientrare nella dieta. In più, oggigiorno esistono moltissime alternative senza lattosio che permettono di non cambiare di molto la dieta.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te