Come capire se con la febbre ci sono i primi sintomi del coronavirus?

In questo periodo, ed ancor di più nelle prossime settimane con l’arrivo della stagione invernale, milioni di italiani dovranno far fronte ai soliti malanni di stagione. Tra tosse, raffreddore e pure qualche linea di febbre.

Con la pandemia di Covid-19 in corso, come capire se con la febbre ci sono i primi sintomi del coronavirus? La domanda è d’obbligo in quanto la curva del contagio è tornata a salire in Italia ed in tutta Europa. Così come non si può di certo azzerare il rischio di possibili contagi da coronavirus da soggetti che sono positivi ma asintomatici.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Come capire se con la febbre ci sono i primi sintomi del coronavirus?

La febbre è uno dei possibili e potenziali sintomi del coronavirus. Ma la certezza di non essere positivi al Covid-19 si può avere solo facendo il tampone. Anche se non sempre, chi è positivo al coronavirus denota sintomi febbrili, tosse secca ed è pervaso da un persistente senso di spossatezza. Sono questi, in effetti, i principali sintomi del coronavirus. Ma è anche vero che questi sintomi possono essere riconducibili pure ad un malanno di stagione.

Nel dubbio, chi ha la febbre dovrebbe rimanere a casa e contattare il medico di base nel caso in cui si manifestino i sintomi più gravi. Proprio quei sintomi, cioè, che potrebbero far desumere la possibile positività al coronavirus. Quindi difficoltà respiratorie, o comunque una persistente sensazione di avere il fiato corto, mal di gola, dolori muscolari e dolori al petto.

Ecco cosa si deve fare se si pensa di poter essere positivi al Covid-19

Per evitare di contagiare gli altri, non avendo certezze sulla positività o meno al coronavirus, bisogna sempre evitare di andare al pronto soccorso e, come sopra accennato, rivolgersi telefonicamente al medico di famiglia, al pediatra oppure alla guardia medica. Evitando quindi di recarsi presso gli studi medici.

In ogni caso, per qualsiasi dubbio, sono attualmente attivi i numeri verdi regionali.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te