Come cambierà dopo il 4 maggio per la nostra vita?

Come cambierà dopo il 4 maggio per la nostra vita?

I danni economici derivanti dal lockdown sono stati al vaglio degli esperti per stabilire come organizzare la ripartenza. Certamente, mediante un’uniformazione anche agli altri paesi, non era possibile protrarre oltre il lockdown a meno di non voler far fallire il paese. Tuttavia, non si trattera’ di ritorno al passato bensi’ di cambiamento per non dire stravolgimento dei ritmi di vita dei cittadini. Una cosa e’ certa: dopo l’avvento del coronavirus la pianificazione della nostra giornata tipo cambiera’. Cambieranno, specialmente, le nostre abitudini quotidiane e I nostril ritmi di lavoro e, in generale, dell’esistenza. Perche’, ci chiederemo? Semplicemente, per il fatto che non potremo lavorare come prima, non potremo andare nei locali, al ristorante e a fare la spesa come prima.

Come cambierà dopo il 4 maggio per la nostra vita, in pratica?

Per quanto attiene al lavoro, ritorneranno sui luoghi a cio’ destinati soltanto coloro le cui attivita’ non sono compatibili con lo smart working. Ad esempio, si e’ stabilito che le attivita’ produttive, con indici di minore rischio, come: cantieri edili, moda, mobili, reti di vendita, potranno riaprire anche prima del 4 maggio. Dovranno, pero’, munirsi della patente di sicurezza. Cio’ significa che potranno riaprire in quanto avranno gia’ predisposto la sanificazione periodica degli ambienti, termoscanner, misurazione della saturazione all’ingresso, distanze di sicurezza, mascherine e guanti. Cioe’, qualsivoglia luogo di lavoro si trasformera’ pressappoco in un laboratorio chimico, per poter allo stesso tempo ripartire ma in sicurezza.

Esercizi commerciali e uffici aperti al pubblico

Per quanto concerne, poi, gli esercizi commerciali e gli uffici aperti al pubblico, il piano sarebbe quello di cambiare gli orari normali di lavoro, per evitare gli affollamenti. Anche qui, termoscanner all’ingresso, scaglionamento delle aperture fino a notte e aperture anche nei week and. Si fara’ di tutto per evitare gli assembramenti e le folle negli orari di punta. Per gli uffici postali, ad esempio, si e’ pensato di stabilire anche per essi scaglionamenti di orario, con la conseguenza che taluni rimarranno aperti fino a tarda sera per evitare file. Ancora, completamente stravolta la vita nei bar e nei ristoranti. Oltre alle misure di prevenzione all’ingresso, non sara’ possibile sedere a tavoli tra loro ravvicinati. Inoltre, sara’ possibile che sui tavoli verranno lasciati gia’ i cibi preventivamente ordinati per evitare contatti.

Per i trasporti, pure, sara’ tutto stravolto. Controlli ferrati e investimenti saranno diretti ad assicurare che i mezzi non siano affollati e che non si occupino tutti i posti a sedere ma solo in modo alternato. I controllori saranno preposti ad assicurarsi che le regole vengano rispettate. Per quanto riguarda gli spostamenti, saranno interdetti quelli da una Regione all’altra, salvo in caso di necessita’ lavorative e di salute certificate.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te