Come andare in pensione prima dei 67 anni di età, con requisiti a confronto tra dipendenti e autonomi

Andare in pensione prima della pensione di vecchiaia è l’obiettivo di quasi tutti i lavoratori sia dipendenti sia autonomi. Esiste la possibilità per i lavoratori dipendenti e autonomi di accedere alla pensione anticipata se soddisfano determinati requisiti. Analizziamo come andare in pensione prima dei 67 anni di età, con requisiti a confronto tra dipendenti e autonomi in base all’attuale sistema previdenziale.

Quando manca il requisito anagrafico

La riforma Monti-Fornero nel 2011 ha inserito nel sistema previdenziale la pensione anticipata. Può essere richiesta dai lavoratori senza il requisito anagrafico, ma solo con l’anzianità contributiva così articolata:

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Oil Free Fryer, la vera friggitrice ad aria

Scopri il prezzo lancio

Friggitrice Fryer

a) per uomini: 42 anni e 10 mesi;

b) per le donne: 41 anni e 10 mesi.

Per il raggiungimento del requisito contributivo richiesto sono validi i contributi a qualsiasi titolo versati o accreditati. Inoltre, per i lavoratori che hanno iniziato a versare i contributi prima del 1° gennaio 1996 del montante contributivo, almeno 35 anni di contribuzione devono essere utili. Questo significa che deve essere al netto dei periodi di disoccupazione indennizzata o malattia.

Come andare in pensione prima dei 67 anni di età, con requisiti a confronto tra dipendenti e autonomi

Possono accedere a questa forma pensionistica sia i lavoratori dipendenti che i lavoratori autonomi, pubblici e privati.

L’unica differenza fra le due categorie di lavoratori è che:

a) i lavoratori dipendenti, per accedere alla misura, devono cessare il rapporto di lavoro con il datore di lavoro;

b) i lavoratori autonomi possono accedere alla pensione anticipata senza interruzione dell’attività.

La pensione anticipata può essere richiesta dai soggetti iscritti all’AGO – Assicurazione Generale Obbligatoria o alla Gestione Separata INPS.

Questa misura è soggetta all’adeguamento dell’aspettativa di vita con un incremento di cinque mesi. Con il Decreto Legge n. 4/2019, l’incremento è bloccato fino al 31 dicembre 2026.

Inoltre, lo stesso Decreto ha introdotto una finestra mobile di tre mesi dal perfezionamento dei requisiti. Durante il periodo di finestra mobile il lavoratore può continuare a lavorare, in modo da non restare senza stipendio e pensione.

La pensione anticipata decorre dal primo giorno del mese successivo alla presentazione dell’istanza. La domanda di pensionamento può essere presentata sul sito INPS oppure tramite il contact center al numero 803 164 da rete fissa o 06 164 164 da rete mobile. Inoltre, è possibile recarsi presso un Patronato per inoltrare la domanda.

Consigliati per te