blank

Come andare in pensione di vecchiaia con meno 8 anni di contributi?

Chi si avvicina alla pensione si trova a fare i conti con gli anni di contributi versati e se bastano per la pensione di vecchiaia. Il nostro sistema previdenziale è costituito da molte forme pensionistiche che permettono l’accesso in base al versamento dei contributi. Ma come andare in pensione con meno di 8 anni di contributi? Esiste la pensione di vecchiaia con un requisito contributivo minimo di 5 anni, ma non è di semplice accesso. Verifichiamo i requisiti e le possibili alternative.

Come andare in pensione di vecchiaia con meno 8 anni di contributi?

La pensione di vecchiaia prevede i seguenti requisiti: 67 anni di età e minimo 20 anni di contributi. Per questa misura è valida la contribuzione a qualsiasi titolo versata. Esiste anche un’altra misura che permette di accedere alla pensione con solo cinque anni di contributi ma con un requisito anagrafico di 71 anni. Inoltre, i contributi devono essere versati dal 1° gennaio 1996 e il calcolo dell’assegno è effettuato con il sistema contributivo.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Come andare in pensione di vecchiaia con meno 8 anni di contributi? Molti Lettori chiedono agli Esperti di ProiezionidiBorsa se i contributi non utilizzati per la pensione, possono essere restituiti. La risposta purtroppo è negativa, in quanto questi contributi vanno ad accantonarsi, nelle cosiddette “posizioni silenti”. Ossia, la contribuzione non dà luogo a nessuna prestazione pensionistica, perché non raggiunge il requisito contributivo minimo richiesto per il diritto alla pensione.

Purtroppo, con meno di 15 anni di contributi non ci sono molte scelte. L’unica è la pensione di vecchiaia contributiva ma che comunque permette di ricevere un assegno molto basso.

Assegno sociale

È possibile comunque accedere all’assegno sociale. Si tratta di una prestazione economica erogata ai cittadini che vertono in una situazione economica disagiata.

Il beneficio non dà diritto alla reversibilità ai superstiti. L’assegno sociale dal 1° gennaio 1996 ha sostituito la pensione sociale.

L’importo dell’assegno nell’anno 2021 è pari a 460,258 euro corrisposti per 13 mensilità. Per poter accedere a questa misura bisogna rispettare i limiti di reddito pari a 5.983,64 euro e 11.967,28 euro se il richiedente è coniugato.

Consigliati per te