Come andare in pensione con contributi da dipendente e da libero professionista

La carriera lavorativa ci può portare a cambiare lavoro frequentemente. Molti i casi in cui si deve lasciare il lavoro da dipendente per un’attività da libero professionista o viceversa. Quindi, ci si trova a versare i contributi in due casse INPS. Come andare in pensione con contributi da dipendente e da libero professionista? Verifichiamolo in base alle disposizioni normative vigenti.

ProiezionidiBorsa TV

Tre sistemi per ristrutturare la posizione contributiva

Alla domanda come andare in pensione con contributi da dipendente e da libero professionista? Esistono tre strumenti che permettono di unificare i contributi in un’unica cassa per raggiungere il requisito contributivo richiesto dalle varie forme pensionistiche.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 70% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Parliamo di:

a)cumulo;

b) ricongiunzione;

c) totalizzazione

Sono tre strumenti diversi: la totalizzazione e il cumulo sono gratuiti, la ricongiunzione è a pagamento.

Convenienza tra cumulo, ricongiunzione e totalizzazione

Analizziamo come andare in pensione con contributi da dipendente e da libero professionista, e la convenienza fra tre sistemi che permettono di ristrutturare la posizione contributiva.

Il cumulo contributivo permette di unire le contribuzione versate in più casse previdenziali (tranne alcune casse di previdenza del sistema privato). Con il cumulo contributivo il lavoratore riceverà un assegno pensionistico composto da più quote in base alle retribuzioni e regole del fondo di riferimento. Il cumulo è gratuito.

La ricongiunzione è valutata dai lavoratori che devono trasferire in una gestione sostitutiva o esclusiva dell’AGO per periodi contributivi accreditati prima del 1993.

Inoltre, risulta conveniente quando l’assicurato, alla cessazione del servizio, ha raggiunto uno stipendio consistente.

In questo caso è conveniente aderire alla ricongiunzione contributiva, in quanto permette il trasferimento dei contributi in base alle regole di calcolo della gestione accentrante. In effetti, può comportare un assegno più altro rispetto al cumulo contributivo.

Questa operazione si può rilevare costosa, specialmente nel caso in cui la domanda di ricongiunzione è presentata in tempi vicini al pensionamento.

La totalizzazione risulta conveniente quando la pensione è calcolata con il sistema contributivo. In questo caso è preferibile scegliere la totalizzazione rispetto al cumulo contributivo. La totalizzazione è gratuita.

Consigliati per te