Come alleviare i sintomi di un ascesso dentale quando il dentista è in ferie

D’estate, si sa, è sempre più difficile trovare un medico pronto per ogni evenienza. Soprattutto quando si tratta di problemi riguardanti i denti, che puntualmente si presentano quando sono tutti in ferie. E magari siamo in ferie anche noi. Ecco, quindi, come alleviare i sintomi di un ascesso dentale quando il dentista è in ferie.

Un problema molto comune: l’ascesso dentale

L’ascesso dentale è un accumulo di pus nei tessuti intorno al dente, come la gengiva o l’osso mandibolare. Questo pus si forma in seguito ad un’infezione batterica, che può essere causata, ad esempio, da una carie importante o non curata.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina Fit, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Alcune patologie possono favorire l’insorgere di ascessi. Si pensi, ad esempio, al diabete o al reflusso gastroesofageo. Ma anche comportamenti quali alcolismo e vizio del fumo possono favorirne la nascita.

L’ascesso è molto doloroso ed è spesso accompagnato da gonfiore, alitosi, febbre e malessere generale.

La soluzione al problema è sempre il dentista, l’unico che può guarire totalmente il paziente, quindi è bene recarsi al suo studio quanto prima. Se, però, questo non è possibile, perché al momento il dentista è in ferie, possiamo usare qualche metodo naturale per tentare di stare meglio.

Come alleviare i sintomi di un ascesso dentale quando il dentista è in ferie

Prima imprescindibile regola è la pulizia: lavare i denti e la bocca è fondamentale per eliminare la maggior parte dei batteri. Effettuiamo, poi, degli sciacqui con acqua e limone o acqua e bicarbonato.

Applichiamo del ghiaccio esternamente sulla parte dolorante. Ci aiuterà a calmare il dolore e ridurre il gonfiore.

Possiamo applicare all’interno della bocca un po’ di gel di aloe vera, che aiuta a lenire l’infezione e proteggere il sistema immunitario.

Molto utile può essere un infuso fatto con acqua ed un cucchiaio di chiodi di garofano, dal potere anestetizzante. Facciamo bollire i chiodi per una mezz’oretta, filtriamo, lasciamo intiepidire e sciacquiamo la bocca più volte al giorno.

In ultimo, possiamo prendere integratori a base di propoli ed echinacea, che vengono considerati antibiotici naturali.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te