Chi riceverà per primo il vaccino per il Covid?

Una luce in fondo al tunnel si inizia a vedere grazie al nuovo vaccino di Pfizer, sviluppato in collaborazione con Biontech. Dopo tanta sofferenza, un barlume di speranza ha toccato il mondo, nonostante tutte le complicanze del caso che questo vaccino porta con sé. Questo farmaco, che deve ancora essere approvato dall’EMA in Europa e dalla FDA per gli USA, deve essere conservato al freddo e per la precisione a circa -75°C.

Su il metodo di trasporto e altri dubbi, le persone competenti stanno già lavorando per risolvere queste problematiche. Questo in vista delle quasi 400 milioni di dosi destinate all’Europa. Ma in un clima di paura si vuole sapere chi riceverà per primo il vaccino per il Covid. Le dosi dedicate all’Italia, infatti, saranno scaglionate nel tempo.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 70% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Il nuovo farmaco

Il farmaco è stato realizzato da Pfizer in collaborazione con Biontech, le cui azioni hanno visto un bel balzo in avanti facendo aumentare il patrimonio di Sahin e Tureci (fondatori di Biontech) di 4 miliardi di dollari. Il mondo è davanti così al primo vaccino creato sulla tecnologia dell’mRna, ma all’inizio non sarà per tutti.

Chi riceverà per primo il vaccino per il Covid?

Il commissario per l’emergenza Covid, Domenico Arcuri, durante la conferenza stampa sulla situazione coronavirus in Italia ha dichiarato che: “Il vaccino sta arrivando (…), ma non sarà disponibile per tutti”. Il commissario confida in una prima ondata di vaccini già a gennaio. Egli è inoltre incaricato di sentire le Regioni per la realizzazione dei Covid Hotel. In questo modo, si ha la speranza di alleggerire la situazione negli ospedali.

Durante la conferenza, Arcuri ha aggiunto che si sta ancora decidendo bene le categorie da vaccinare. Ha comunque dichiarato che “gli operatori sanitari saranno tra le prime, assieme alle persone più anziane che sono più fragili”. Il commissario ha inoltre aggiunto che la distribuzione non sarà su base regionale, ma vi sarà una centralizzazione del meccanismo da parte del Governo.

 

Approfondimento

Perché vendere azioni Pfizer potrebbe essere la scelta vincente.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te