Chi prende il minimo garantito a prescindere dal fatturato

Dalla settimana prossima, l’Agenzia delle Entrate aprirà la procedura per ottenere il contributo a fondo perduto. Aziende e professionisti iniziano a fare le differenze di fatturato tra il 2019 e il 2020. Ebbene, non tutti hanno l’obbligo di fare questo passo. Perciò vediamo chi prende il minimo garantito a prescindere dal fatturato.

Quanto prendono professionisti e imprese

I soggetti che hanno aperto la propria attività nel 2019 sono già certi di poter accedere al contributo a fondo perduto e prendere il minimo garantito. Stiamo parlando di 1.000 euro per le persone fisiche mentre per le imprese l’importo è di 2.000 euro. Infatti per questi fortunati a prescindere l’andamento del fatturato, sia al rialzo che al ribasso percepiranno il minimo garantito dall’aiuto di Stato.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Non bisogna rispettare il fatturato

Infatti professionisti e imprese che hanno iniziato l’attività nel 2019 non hanno l’obbligo di rispettare la contrazione del fatturato. Questo discorso, è bene chiarirlo, vale solo nel caso in cui i soggetti 2019 abbiano una contrazione di fatturato inferiore del 30%, positiva o pari a zero.

Diversamente, professionisti e imprese seguiranno il metodo di calcolo previsto dalla norma generale. Dunque il ristoro ammonterà al valore spettante, calcolando il fatturato medio mensile unicamente prendendo il periodo post attivazione partita IVA.

Una norma già presente nel Decreto Rilancio

Ad onor del vero già il Decreto Rilancio ha previsto questo meccanismo del riconoscimento del minimo garantito sul contributo a fondo perduto. Infatti la vecchia normativa prevedeva l’erogazione di 1.000 euro per i professionisti e 2.000 euro per le imprese indipendentemente dalla contrazione del fatturato ma calcolato sul mese di aprile 2019 e 2020.

La presentazione delle domande

Intanto professionisti e imprese studiano la domanda da presentare a partire dal 30 marzo per ottenere il contributo a fondo perduto. Il Governo conta di far liquidare le somme entro il 10 aprile. Perciò per dopo Pasqua, liberi professionisti e attività potrebbero trovarsi con un po’ di soldi in più in tasca. Lo stesso dicasi per chi prende il minimo garantito a prescindere dal fatturato.

Consigliati per te