Chi paga le spese di manutenzione dei balconi, all’interno del condominio?

Si pensi all’ipotesi in cui, sul lato esterno del balcone, stia venendo giù l’intonaco. Si ipotizzi, inoltre che la situazione sia lentamente peggiorata, quindi è il momento di segnalare, in maniera decisa, la questione in condominio. Senonchè, si ci chiede: “ chi paga le spese di manutenzione dei balconi, all’interno del condominio?”. Ebbene, possiamo tirare un respiro di sollievo, in quanto non spetta a noi pagare. Ciò in quanto le spese di rifacimento dei balconi sono di competenza del condominio e non dei singoli proprietari. Poiché, tuttavia, il problema dell’intonaco riguarda solo il nostro appartamento, gli altri non vogliono pagare. Tuttavia, vi sono una serie di decisioni derivanti dalla giurisprudenza che possono essere utilizzate per convincere i condomini dissenzienti. Vediamo, però, nel dettaglio, per quali spese risponde tutto il condominio, per quali il solo proprietario ove insiste il balcone e per quali altre solo alcuni condomini.

Cosa stabilisce la Cassazione

In generale, ogni condomino è proprietario della parte del balcone compresa nel suo appartamento. Quindi, è su di lui che ricadono le eventuali responsabilità per i danni a terzi e talune delle spese di manutenzione. In particolare, si pensi a quelle relative al rifacimento e all’isolamento delle parti che servono ad evitare le infiltrazioni di acqua piovana. Invece, devono considerarsi beni comuni: i rivestimenti e gli elementi decorativi della parte frontale e di quella inferiore del balcone. Dette parti, si considerano condominiali quando fanno parte del prospetto dell’edificio e si vedono dall’esterno. Dunque, queste ultime spese, devono ritenersi a carico di tutti i condomini in base ai millesimi.

Quando si tratta, invece, di infiltrazioni di acqua, le spese di manutenzione sono ripartite tra il proprietario del piano sopra, titolare del balcone, e quello del piano di sotto. Quest’ultimo, infatti riceve un beneficio in virtù della copertura dal balcone che è posto sopra. Specificamente, spetta al proprietario del piano superiore la copertura del pavimento, mentre a quello del piano inferiore l’intonaco, la tinta e la decorazione del soffitto. Nell’ipotesi in cui, però, si tratti di opere di manutenzione di elementi di decoro estetico, le spese sono a carico del condominio. Ciò in quanto le parti in questione fanno parte dell’estetica, cioè della parte esterna del palazzo. Si pensi ai parapetti, alle fioriere dei balconi o all’intonaco, le cui spese vengono deliberate dall’assemblea e ripartite in base ai millesimi. Si è risposto, quindi, sinteticamente alla domanda: “chi paga le spese di manutenzione dei balconi, all’interno del condominio?”

Consigliati per te