Chi organizza matrimoni ed eventi privati in questa Regione può chiedere e ottenere soldi a fondo perduto

Arrivano ancora aiuti e ristori a fondo perduto alle aziende più colpite dalla pandemia. La Regione Veneto, infatti, ha approvato 3 bandi con una dotazione complessiva di 23 milioni di euro affidati in gestione da Unioncamere. Si tratta di ristori destinati a 3 precisi comparti dell’economia regionale:

  • imprese venete rientranti nella filiera dei matrimoni ed eventi privati (dotazione complessiva di 20.263.239,48 euro);
  • parchi tematici, acquari, parchi geologici e giardini zoologici, sempre veneti (dotazione di 1.350.882,63 euro);
  • infine il terzo bando ha una dotazione identica alla precedente e si rivolge alle aziende del trasporto turistico con autobus coperti.

Presentiamo in questa sede i passaggi chiave del primo bando. Anticipiamo solo che chi organizza matrimoni ed eventi privati in questa Regione può chiedere e ottenere soldi a fondo perduto.

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Soggetti ammissibili e requisiti di ammissibilità

Possono presentare domanda di ristoro le imprese che hanno sede legale e/o unità locali attive in Veneto. Inoltre devono avere un codice ATECO prevalente e primario tra quelli previsti all’art. 3 del bando. In sintesi, i codici ricomprendono le imprese che rientrano nella filiera “matrimoni ed eventi privati”.

Accanto a questi due requisiti, l’azienda richiedente non deve ritrovarsi in stato di liquidazione, fallimento o di concordato preventivo. Non sono escluse dai benefici le imprese che presentano le caratteristiche di impresa in difficoltà, come definite dalla normativa comunitaria.

In merito al contributo

L’istanza andrà presentata solo online dal legale rappresentante dell’impresa, per il tramite del portale restart.infocamere.it. I termini per l’inoltro della domanda di sostegno vanno dalle ore 10.00 di mercoledì 24 novembre fino alle ore 16.00 del 15 dicembre.

Al riguardo, la regione Veneto precisa che non si tratta di un “click day”, pertanto non ha importanza l’ordine di arrivo delle istanze. Tutte le domande ritenute ammissibili saranno infatti finanziate.

In sostanza la dotazione finanziaria complessiva verrà ripartita tra gli aventi diritto. Pertanto l’ammontare del contributo si conoscerà solo a chiusura dei bandi, quando saranno arrivate tutte le domande.

Chi organizza matrimoni ed eventi privati in questa Regione può chiedere e ottenere soldi a fondo perduto

L’istruttoria delle domande di contributo è svolta da Unioncamere, che verifica la sussistenza dei requisiti delle aziende interessate. Al riguardo si precisa che l’impresa beneficiaria deve osservare le norme in materia previdenziale, assistenziale e assicurativo.

Una volta approvato l’elenco definitivo delle domande ammesse, il contributo verrà liquidato nell’arco di circa 60 giorni.

In chiusura, invitiamo il Lettore interessato a prendere visione integrale del bando per tutti i dettagli e/o i casi particolari.

Approfondimento

Serve una carta Postepay per aggiudicarsi questo ricco sconto carburante e salvare risparmi e stipendio.

Consigliati per te