Chi è la doula che affianca le mamme tra ginecologi e ostetriche  

Un focus per capire chi è la doula che affianca le mamme tra ginecologi e ostetriche.

Il viaggio che compie la donna in stato interessante può essere molto bello, ma anche lastricato di tanti dubbi e incertezze. E se non si ha qualcuno su cui contare per un confronto, una parola, un supporto pratico-organizzativo, può essere davvero dura. Inutile dire che gli stati emozionali di una mamma in attesa possono essere così mutevoli che anche le decisioni più piccole potrebbero dare problemi. Ed è qui che entra in scena la figura della doula che, almeno in Italia, non si conosce ancora abbastanza. Vediamo quindi, con questo approfondimento, di capire chi è la doula, che affianca le mamme tra ginecologi e ostetriche.

La doula

La figura professionale della doula, svolge sostanzialmente un ruolo di supporto, come abbiamo già detto in altro nostro primo approfondimento, al quale si rinvia. Non essendo un profilo di carattere medico sanitario, la doula non si sovrappone alla figura dell’ostetrica d’ospedale. Si può dire, piuttosto, che la doula coopera, per assicurare stabilità emotiva e buone pratiche organizzative. Nonostante questo, sembra però che le figure tradizionali di riferimento, in alcun casi, guardino con una certa riserva, questa nuova categoria di lavoratrici. Stando a quanto dichiarato dalle presidenti delle associazioni di categoria, le doule, giuridicamente parlando, rientrerebbero sotto la seguente normativa. Vale a dire la legge n.4 del 14 gennaio 2013 che legifera in tema di “Disposizioni in materia di professioni non organizzate”.  

Professioni non organizzate

Stringiamo quindi il focus sulle professioni non organizzate in ordini o collegi. Ai fini della presente legge, per «professione non organizzata in ordini o collegi», si deve intendere il seguente tipo di attività. Vale a dire un’attivita economica e organizzata, volta alla prestazione di servizi o di opere a favore di terzi. Altro elemento caratterizzante è l’esercizio abituale, svolto prevalentemente mediante il lavoro intellettuale, o con il concorso di questo. Esulano invece tutte quelle attività  riservate, per legge, a soggetti iscritti in albi o elenchi professionali. Si intendono per tali le professioni sanitarie e le attività e i mestieri artigianali, commerciali e di pubblico esercizio disciplinati da specifiche normative. 

Da quanto sopra esposto, la citata normativa definisce una chiara linea di demarcazione tra le attività professionali che richiedono l’iscrizione in appositi albi e queste di cui in narrativa. Quindi, sembra di poter escludere, quantomeno sulla carta, il rischio d’interferenza e sovrapposizione tra le varie figure. Per cui ginecologi, ostetriche e doule operano su piani differenti, ma tutti di ausilio per le donne in attesa.  Peraltro al di là di quanto accade in Italia, gettando uno sguardo oltre i confini, sia in Inghilterra che in Svizzera, le doule sono ormai state “sdoganate”. Pertanto il loro lavoro è ben visibile e apprezzato, sia tra i professionisti che tra le gestanti. Ecco quindi giuridicamente chi è la doula che affianca le mamme tra ginecologi e ostetriche.    

BNP Turbo Unlimited
BNP Turbo Unlimited

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.