Chi assume spesso antibiotici deve stare attento a questo grave rischio

Ogni tanto, quando ci ammaliamo, il medico ci prescrive un antibiotico per poter sconfiggere il batterio che ci ha colpito. Gli antibiotici sono farmaci particolari, che devono sempre e solamente essere assunti previo consenso del medico.

Oggi spieghiamo la ragione principale per limitare l’abuso di antibiotici. Corriamo, infatti, tutti un rischio davvero serio, secondo gli esperti, che è necessario evitare per non incorrere in gravi danni alla salute. Scopriamo, quindi, di che cosa si tratta.

L’allarme lanciato dagli esperti

La Fondazione Veronesi ha recentemente lanciato un allarme davvero preoccupante: si sta diffondendo sempre di più la resistenza agli antibiotici.

Essa consiste nella mutazione dei batteri che prima erano eliminati dagli antibiotici. In seguito alla mutazione, i batteri riescono a sfuggire all’azione di questi medicinali e diventa quindi più difficile combatterli.

Secondo la fondazione Veronesi, sono in aumento le morti dovute ad infezioni che sono resistenti ai farmaci in commercio. Addirittura si pensa che l’antibiotico-resistenza potrebbe superare il cancro come numero di fatalità. Le stime fornite dalla fondazione sono di oltre 2 milioni di morti soltanto nell’area OCSE, che comprende 37 Paesi tra i più avanzati al Mondo.

Chi assume spesso antibiotici deve stare attento a questo grave rischio

La fondazione Veronesi indica anche, partendo dai dati della Banca Mondiale, che la resistenza agli antibiotici potrebbe causare seri danni economici. Ad essere più colpiti sarebbero soprattutto i Paesi con un reddito pro capite basso, che perderebbero più di 5 punti di PIL.

Purtroppo, l’Italia è oggi uno dei Paesi europei con il maggior tasso di resistenza agli antibiotici di alcuni batteri.

Per evitare che la situazione vada fuori controllo nei prossimi anni, si sottolinea l’importanza di non abusare degli antibiotici né di usarli in maniera scorretta. Bisogna, quindi, che venga formulato un piano per ridurre questi abusi, tramite prevenzione delle infezioni, formazione, comunicazione e continuo monitoraggio.

Allo stesso tempo, si afferma che bisogna investire nella ricerca e nello sviluppo di farmaci nuovi, che cerchino di aggirare il serio problema dell’antibiotico-resistenza.

Ecco, dunque, perché chi assume spesso antibiotici deve stare attento a questo grave rischio. Noi potenziali pazienti, dal canto nostro, dovremmo limitarci ad assumere questi farmaci solo nei modi e nei tempi prescritti dal medico e non sgarrare mai. In questo modo faremo la nostra parte per evitare che la resistenza agli antibiotici diventi un problema troppo grande.

Approfondimento

Pochissimi la usano ma questa spezia sarebbe un eccezionale antibiotico naturale che abbasserebbe anche il colesterolo cattivo.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te