Che siano faretti o LED ecco come posizionare l’illuminazione in cucina per un effetto scenografico da rivista

La cucina rappresenta una delle stanze in cui si trascorre spesso buona parte del proprio tempo quando si è a casa. Ci sono cucine piuttosto grandi che fungono anche da sala da pranzo e ambienti molto ristretti in cui solitamente si trova l’essenziale. Affinché possa essere agevole e allo stesso tempo ricercato, questo spazio domestico richiede un’illuminazione adeguata che si focalizzi su alcuni particolari. Per creare ambienti dal design ricercato, dunque, le luci richiedono un’attenzione particolare e un focus su determinati punti della stanza. Che siano faretti o LED ecco come posizionare l’illuminazione in cucina per un effetto scenografico da rivista senza spendere troppi soldi.

Come rendere più grandi gli spazi senza fare lavori di edilizia

Avere una casa confortevole e accogliente oggi è diventato un imperativo per molte famiglie. La ricerca di bellezza e comodità non rappresentano esclusivamente una necessità estetica, ma un modo per rendere la propria permanenza in casa godibile.

A volte si deve lottare con spazi ristretti e dalle misure ridotte. Questo tuttavia non rappresenta un problema se si pone attenzione ai 3 errori da evitare attentamente per arredare una casa o una stanza piccola. Se il problema dello spazio riguarda esattamente la cucina, allora è possibile evitare la sensazione di ambiente claustrofobico con dei semplici accorgimenti. In un precedente approfondimento abbiamo spiegato quali elementi sfruttare per far sembrare una cucina molto più grande di quanto lo sia realmente. Un carta vincente la gioca sicuramente la luce. Spesso si possono valorizzare dei dettagli domestici con dei semplici lavori fai da te da realizzare sempre in piena sicurezza.

Che siano faretti o LED ecco come posizionare l’illuminazione in cucina per un effetto scenografico da rivista

Nelle case più moderne si vedono spesso effetti luminosi particolarmente ricercati e di grande effetto nelle stanze. Volendo focalizzare l’attenzione sulla cucina, tre punti della stanza che si potrebbero valorizzare sono il tavolo, i pensili e la parete sul piano di lavoro.

Per scegliere con cura i dettagli luminosi, si potrebbe partire dall’illuminazione principale della cucina. Nella generalità dei casi si tratta di un’illuminazione centrale che punta anche sul tavolo. Se si vuole conferire un effetto ricercato a questo elemento, i lampadari a sospensione che indirizzano la luce verso il basso potrebbero essere un buon compromesso tra praticità ed eleganza.

Chi ha intenzione di installare dei faretti, potrebbe posizionarli invece sopra i pensili. In questa maniera i fasci di luce che cadono verso il basso tendono a valorizzare gli arredi con grande eleganza.

Altro punto fondamentale che richiede adeguata illuminazione è la parete che corre lungo il lavello e il piano da lavoro e cottura. Chi ha un’illuminazione centrale in stanza spesso si ritrova a fare ombra con il proprio corpo sul piano da lavoro che invece richiederebbe molta più luce. Questo problema si può facilmente ovviare con una fascia LED che corre lungo tutta la lunghezza del ripiano da installare sotto i pensili. Questa è sicuramente un’illuminazione funzionale e allo stesso tempo estremamente scenica e ricercata per la propria cucina.

Approfondimento

Ecco come riscaldare velocemente il bagno anche senza stufetta elettrica o termoventilatore

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te