Cercare queste cose su internet è illegale e potrebbe costare una seria denuncia

Su internet è possibile fare tantissime cose gratuitamente. Questo però non significa che siano tutte legali. Un problema serio in materia è che non tutti conoscono quale sia il confine tra legalità e illegalità, soprattutto quando si parla di mondo digitale.

Molti hanno sentito parlare del dark web e del deep web. Qui si può trovare davvero di tutto: dagli account Netflix, alla spedizione di particolari oggetti, ai medicinali senza ricetta. Addirittura è possibile assoldare professionisti molto “particolari” come hacker e addirittura qualcosa di più pericoloso.

E la dogana? Le Autorità sanitarie e di polizia? I prodotti di provenienza illecita sono tantissimi. Gli Esperti della Redazione di ProiezionidiBorsa hanno allora deciso di stilare un breve elenco per aiutare i Lettori a capire che cercare queste cose su internet è illegale e potrebbe costare una seria denuncia.

Attenzione a cosa si acquista

Gli abbonamenti ai servizi di streaming possono essere acquistati in maniera legale solo ed esclusivamente sui siti di proprietà del servizio. Questo vale anche se internet pullula di codici sconto e famigerate “offerte” in vendita a prezzi stracciati. Spesso e volentieri, questi codici sono rubati e la loro vendita è illegale.

Quello che non tutti sanno è che a commettere reato non è solo il venditore, ma anche l’acquirente. Il rischio è di compiere reato di ricettazione.

Sul dark web è facilissimo acquistare oggetti contundenti come il classico tirapugni. Secondo la legge italiana, quest’oggetto è un’arma a tutti gli effetti e come tale va trattata anche nella vendita. Occorre il porto d’armi.

Discorso simile anche per i semi di canapa: coltivare la marijuana non è reato, ma resta comunque un illecito amministrativo da cui guardarsi. Acquistare i semi in sé non è reato, ma farli fiorire si, perché il principio attivo oggetto della norma è contenuto nella pianta.

Sostanze illegali

In rete è facilissimo trovare medicinali, steroidi e anabolizzanti. Nel primo caso, l’acquisto di farmaci che non richiedono ricetta è anche consentito, ma ciò che diventa illecito è l’importazione.

Invece, quando si parla di steroidi e anabolizzanti, la vendita in Italia è vietata: anche qui, s’incorre nel reato di ricettazione.

Cercare queste cose su internet è illegale e potrebbe costare una seria denuncia. Ecco perché conviene sempre rivolgersi a store online autorizzati e a siti certificati.

Consigliati per te