CBOE SKEW ai massimi storici: possibili effetti a lungo termine sulla scelta dei modelli di portafoglio

In questa nota si parla brevemente di SKEW. Questo è uno dei tanti indicatori redatti dal CBOE e indirizzato specificamente per i professionisti che si occupano di volatilità su S&P500 americano (VIX) e relative opzioni.

Durante la settimana scorsa lo SKEW ha superato i massimi storici da quando viene registrata la curva dal CBOE stesso (1990). Poichè esso è direttamente connesso alla evoluzione prezzi del VIX e relative opzioni, potrebbe destare una certa preoccupazione.

Intanto due parole vanno spese per comprendere di cosa si tratta. Lo SKEW index viene calcolato usando le opzioni Out of the Money e grossolanamente misura la probabilità di avere ritorni/movimenti ”normali” oppure ”NON normali”. In senso statistico una serie di valori o dati ”normali” mostrano una distribuzione geometrica di Gauss sugli assi cartesiani classici: (it.wikipedia.org/wiki/Distribuzione_normale).

Pertanto a valori di SKEW prossimi a 100 si ottiene una distribuzione ”normale” dei ritorni/movimenti di S&P500; con valori invece ben sopra 100 la distribuzione dei ritorni/movimenti di S&P500 diventa molto spostata ( = skewed ) da una distribuzione ”normale” e questo è sintomo di stress all’interno della evoluzione prezzi dell’indicatore di volatilità VIX.

Da punto di vista grafico, storicamente lo SKEW si è mosso in una ampia banda orizzontale dal 1990 al 2013, allorquando ha abbandonato tale struttura (il movimento era iniziato fin dal 2008), generando un interessante doppio canale (verde) rialzista con targets progressivi a 143 e 149.

Questo comportamento ci indica che la probabilità di movimenti violenti e la probabilità di ritorni statisticamente ”non normali” sta diventando sempre più elevata e quasi insostenibile (graficamente) su base storica.

Tale anomalia comportamentale potrebbe essere spiegata (in toto o in parte) dall’ecosistema finanziario dei QE che domina i mercati dal 2008/2010 in poi, che in buona sostanza ha de-tarato molti indicatori di stress finanziario dei mercati.

Di seguito si tenta di tarare ”qualitativamente” il comportamento dello SKEW, al fine di ottenere un indicatore spia di stress all’interno del VIX, utile per gli investitori retailers.

Viene eseguito un semplice RATIO-index (divisione tra indici): ”VIX vs. SKEW”; per confronto sono state realizzate le varianti, sia opposta (SKEW vs. VIX), sia le due versioni semilogaritmiche, al fine di apprezzare maggiormente le escursioni della curva sui minimi, sui massimi e tra gli estremi stessi.

In base ai punti chiave di S&P500 nella recente storia trentennale, è possibile individuare qualitativamente sul grafico VIX vs. SKEW, una banda orizzontale (in grigio) che demarca la zona di sostenibilità vs. insostenibilità dello stress finanziario. I recenti valori del RATIO sono ben distanti e ben al di sotto della banda grigia, segnalandoci che non c’è pericolo corrente per il sottostante S&P500 ma c’è altresì un importante livello di stress all’interno del segmento opzioni connesse al VIX.

Come regolare la propria operatività alla luce dei valori estremamente elevati di SKEW (bassissima ”normalità” comportamentale della coppia VIX-S&P500)?

Su breve-medio termine l’impatto è naturalmente nullo per chiunque operi long/short sui mercati. Dal punto di vista strutturale invece è importante sapere che i modelli previsionali di medio-lungo termine su S&P500 basati su una distribuzione ”normale” dei ritorni attesi, potrebbero risultare molto instabili, mostrando una fragilità eccessiva nel money management durante le inversioni della curva del VIX.

Pertanto, fin quando non verranno assorbiti i valori estremi di SKEW e, contestualmente, fin quando gli effetti del QE sistemico non si saranno placati, allora certamente continuerà ad aver luogo una selezione positiva verso modelli allocativi di investimento ”non gaussiani” o addirittura adattivi (A.I.-based).

Si potrebbe addirittura lanciare un teorico alert: in caso di importanti e durature esplosioni di volatilità, i portafogli ”gaussiani” potrebbero subire un blackout critico delle performances, accusando una autentica falcidie che potrebbe gettare sistemicamente benzina sul fuoco della liquidità. Uno SKEW costantemente ben sopra i 120-125 punti potrebbe creare il terreno ideale per l’implementazione di massa di modelli di allocazione algoritmici A.I.-based.

 

CBOE SKEW ai massimi storici: possibili effetti a lungo termine sulla scelta dei modelli di portafoglio ultima modifica: 2018-08-19T17:55:32+00:00 da Salvatore Vicidomini
Corsi gratuiti per esperti e neofiti con FXDD
Corsi gratuiti per esperti e neofiti con FXDD

Le Fonti TV

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.