Cassa Integrazione fino al 31 gennaio per queste categorie di lavoratori, ecco le ultime novità

La Redazione di ProiezionidiBorsa vuole informare i suoi Lettori delle recenti novità riguardanti l’erogazione della Cassa Integrazione. Per alcune categorie di lavoratori, colpite fortemente dalle recenti restrizioni atte a contrastare il diffondersi del coronavirus, il Governo ha stanziato circa 1,6 miliardi complessivi.

Tale somma è compresa nel più ampio progetto disciplinato dal “neonato” decreto Ristori che metterà in campo circa 5,4 miliardi di euro. Da martedì scorso 27 ottobre, l’Italia ha imparato a conoscere questo decreto legge che introduce ulteriori misure urgenti a sostegno dei lavoratori e non solo.

Cassa Integrazione fino al 31 gennaio per queste categorie di lavoratori, ecco le ultime novità

Tra i diversi interventi, il Consiglio dei Ministri ha approvato anche la proroga di altre 6 settimane della Cassa Integrazione ordinaria. Una boccata d’ossigeno per molti lavoratori che potranno usufruire di una nuova tranche di Cassa Integrazione ordinaria, in deroga e dell’assegno ordinario con la causale “Covid-19” fino alla fine di gennaio del 2021.

La misura costituisce un’integrazione alle disposizioni contenute nel decreto Agosto e che avevano già previsto una proroga della Cassa Integrazione per 18 settimane. Una misura usufruibile entro il 31 dicembre 2020. A causa della persistenza del coronavirus, si è presentata la necessità di prolungare i tempi dell’erogazione del servizio.

Domande di accesso e destinatari

Nel dettaglio, possono richiedere ed ottenere la proroga della Cassa Integrazione, i datori di lavoro che hanno già usufruito del servizio per opera del decreto Agosto. A questi si aggiungono i datori di lavoro appartenenti ai settori interessati dai provvedimenti del nuovo DPCM del 24 ottobre scorso.

A gestire le domande di accesso per la proroga dell’integrazione salariale è l’INPS. Le richieste dovranno essere inviate, via telematica, entro e non oltre la fine del mese di novembre. Inoltre, la Cassa Integrazione è gratuita per i datori di lavoro che hanno subito una riduzione di fatturato pari o superiore al 20%  ma anche per i lavoratori che hanno avviato la loro attività dopo il 1° gennaio 2019 e per tutte le imprese interessate dalle restrizioni.

Se “Cassa Integrazione fino al 31 gennaio per queste categorie di lavoratori, ecco le ultime novità” è stato utile al Lettore, si consiglia anche “In arrivo 800 euro anche per queste categorie di lavoratori, ecco le ultime novità“.

Consigliati per te