Cambia il clima, proteggiamoci dal mal di gola in agguato con qualche metodo naturale

Cambia il clima, proteggiamoci dal mal di gola in agguato con qualche metodo naturale. Settembre avanza e le temperature si abbassano. Entriamo nel periodo di passaggio dal caldo estivo alla stagione invernale. Prendiamoci cura della nostra gola, la parte più reattiva a questo cambio di stagione con qualche metodo naturale!

Alle porte dell’autunno il corpo si prepara al cambio

Il nostro corpo in questo periodo comincia a risentire dei cambiamenti stagionali. Le ore di luce diminuiscono, le temperature scendono e noi ci sentiamo più sensibili, un po’ stanchi e senza molta voglia di muoverci. Il corpo sente in anticipo il cambio e in effetti si prepara poco alla volta al freddo più intenso che arriverà con l’inverno.

Cosa non fare per prendere il mal di gola

La gola è la parte del corpo più esposta in questo periodo di cambio. È perciò la porta di accesso di virus e batteri per il nostro corpo.

Ecco allora qualche consiglio. In questo periodo il clima è più ventoso e nelle nostre case facilmente possono crearsi delle correnti d’aria, aprendo le finestre. Cosa assolutamente da evitare per non infiammare la gola.

Evitare gli sbalzi di temperatura. Se si esce di casa e fuori fa freddo, allora ben proteggere la gola con un foulard.

Anche gli ambienti in casa con aria molto secca creano le condizioni per il mal di gola. L’aria va sempre cambiata all’interno di una casa.

Cambia il clima, proteggiamoci dal mal di gola in agguato con qualche metodo naturale

Il miele è ottimo per proteggere la gola. Si può assumere con un poco di acqua calda, o con del latte caldo, oppure come dolcificante per qualche tisana.

Fra le tisane consigliate, quella preparata con la salvia officinalis. Questa pianta è un potente antivirale e possiede buone capacità protettive della gola e delle vie respiratorie. Ottima anche per i soggetti asmatici.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te