Calcio e mercato: Neymar al Paris Saint Germain incrementa la crescita economica della Francia!

Il brasiliano in Francia ha già fatto scalpore: ma quale sarà il ritorno economico dei parigini?

Dopo esserci immersi in questi giorni nella situazione fiscale riguardante Tenerife e le Canarie con i seguiti articoli di Riccardo Barbuti, torniamo ora a parlare su ProiezionidiBorsa  di Spagna, stavolta sotto un altro aspetto: quello calcistico.

Il campionato spagnolo infatti è senza dubbio una delle competizioni che a livello internazionale suscita molto interesse con annesso movimento economico. Visti gli investimenti economici di top club come Real Madrid e Barcellona, milioni e milioni di persone in ogni parte del globo seguono assiduamente la Liga spagnola. Ieri il Real Madrid di Zidane ha vinto l’ennesimo trofeo internazionale contro il Club di calcio con la piu’ alta capitalizzazione in borsa, Il Manchester United (Codice ISIN KYG5784H1065). La vittoria delle merengues continua una lunga striscia di succesi iberici, negli ultimi 5 anni le squadre spagnole infatti  hanno vinto quasi tutte le competizioni internazionali. Uno dei protagonisti  del “triplete” catalano del 2015  è stato sicuramente Neymar: il fuoriclasse brasiliano ha di recente lasciato il Barcellona trasferendosi al Paris Saint-Germain per una cifra mostruosa. Una delle domande che i maggiori appassionati di economia e finanza si stanno ponendo in questo momento è:

Quanto Neymar al Paris Saint-Germain porterà una crescita economica ai francesi?“.

Le cifre dell’affare

In termini economici, l’affare che ha portato Neymar al Paris Saint-Germain è stato di portata mai vista prima. La cifra totale è stata di ben 222 milioni di euro, con il club francese che ha pagato l’intera clausola del brasiliano al Barcellona. Numeri fuori dal comune, ma non come l’ingaggio del classe 1992 ex Santos: contratto di cinque anni a ben 30 milioni di euro netti a stagione, con un lordo analogamente pari a ben 60 milioni di euro.

Tutto questo vale a dire un guadagno di ben 515mila sterline a settimana, 73mila sterline al giorno e 3mila sterline all’ora. Al minuto? 51 sterline… niente male direi, con il padre di Neymar che, essendo l’agente dell’asso brasiliano stesso, ha percepito 40 milioni di euro dalla clausola.

Un trasferimento mai visto prima

Ne abbiamo visti tanti di trasferimenti onerosi con cifre parecchio elevate, ma mai come il passaggio di Neymar al Paris Saint-Germain. Come riportato dal noto portale di informazione Wikipedia, il passaggio del brasiliano in Francia è attualmente il trasferimento più costoso della storia del calcio. Dietro di lui infatti troviamo una vecchia conoscenza della Serie A, Paul Pogba, il quale passò dalla Juventus al Manchester United lo scorso anno per 105 milioni di euro. E pensare che qualche anno fa, dopo l’acquisto da parte del Real Madrid di Gareth Bale per 100 milioni di euro, pensavamo potesse finire qui. Un altro calciatore che potrebbe ben presto salire sul podio di questa classifica è il talento Kylian Mbappé-Lottin, il nuovo Thierry Henry: jolly offensivo classe ’98, è conteso dalle Merengues citate in precedenza ed il Manchester City pronte a spendere economicamente una cifra superiore ai 150 milioni di euro. Forse un po’ troppo per un ragazzo di soli 18 anni? Si sa che il caldo torrido di questi giorni sta dando un po’ alla testa…

La critica al giocatore e alla società

Quando il passaggio di Neymar al club francese era ormai ad un passo prima di essere ufficializzato, alcuni tifosi del Barcellona hanno protestato nei confronti del brasiliano. Come riporta un articolo di SportFair, i supporters azulgrana hanno distribuito sulla Rambla di Barcellona dei volantini con la scritta: “Cercasi traditore. Mercenari fuori da Barcellona. Qui solo giocatori che amano la maglia“. Inoltre anche qualche tifoso dei parigini si è risentito di questo oneroso movimento di mercato, criticando il numero uno Nasser Al-Helaifi per aver “sprecato” anche stavolta una cifra troppo elevata per un giocatore. Ricordiamo altri trasferimenti nelle diverse sessioni dei mercati estivi ed invernali precedenti, come quello riguardante David Luiz acquistato dal Chelsea per 60 milioni di euro ed Edinson Cavani dal Napoli per 64 milioni di euro. A questi vanno aggiunti i 63 milioni di euro per il fantasista Angel Di Maria dal Manchester United e 45 milioni di euro per Julian Draxler nel passato mercato invernale.

Il probabile ritorno economico dei parigini

In un sito come Proiezioni di Borsa penso sia interessante parlaredi fatturati de utili, le cifre per Neymar al Paris Saint-Germain sono state indubbiamente di proporzioni bibliche. Ma, come accadde per James Rodriguez che si trasferì al Real Madrid nell’estate 2014, è previsto un grandissimo ritorno che permetterà una crescita economica esponenziale del PSG in tutto il mondo. I francesi infatti sono stati acquistati sono nell’estate 2011 dal fondo qatariota Qatar Investment Authority, di cui il presidente sovrano è Nasser Al-Helaifi, numero uno dei parigini. Ciò che in 6 anni è stato fatto in termini di valorizzazione del marchio PSG è stato veramente tanto, ma ormai si è giunti alla svolta che i parigini dovevano compiere e che si avrà in quattro punti fondamentali.

1) L’incredibile vendita di gadget

2) I diritti d’immagine e pubblicità

3) Nuova visibilità del marchio PSG

4) La viralità attraverso i Social Network

Alberto Barbuti redattore CalcioReporter

Consigliati per te