Calamari freschi o surgelati sempre tenerissimi con 1 solo trucchetto per cuocerli alla perfezione in padella, in umido o alla piastra

Buoni e gustosi, i calamari sono i molluschi più amati e deliziosi di sempre. Assaporare una bella frittura di pesce arricchita da questo ingrediente non ha prezzo. Cucinare i calamari è facilissimo e le ricette tra cui scegliere sono davvero tante. Ad esempio, ecco perché sono troppo buoni questi calamari gratinati da fare al forno o in padella in soli 15 minuti con pangrattato e un ingrediente speciale.

Con i calamari freschi o surgelati si possono portare in tavola piatti davvero favolosi e ricchi di sapore. Per delle portate da fare invidia agli chef più famosi, però, bisognerà conoscere alcuni trucchetti di cucina.

Piccoli consigli per una cucina a prova di chef

Prima di mettere in pratica i trucchetti per avere i calamari sempre morbidi e golosi dobbiamo, innanzitutto, scegliere un prodotto di qualità. Attenzione ai calamari già puliti, potrebbero non essere così freschi come dicono. Una volta acquistati, i calamari dovranno essere puliti minuziosamente. L’operazione è facilissima. Infatti, tirando sia la parte dei tentacoli che quella della testa usciranno velocemente le interiora. Con un coltello, o un paio di forbici, eliminare tutte le impurità. Lavare sotto l’acqua corrente e poi schiacciarli con il palmo della mano. A questo punto, bisognerà provvedere alla cottura. Ed ecco che alcune informazioni possono rivelarsi molto utili in questo frangente.

Dunque, ecco come avere calamari freschi o surgelati sempre tenerissimi con 1 solo trucchetto per cuocerli alla perfezione in padella, in umido o alla piastra

Per evitare l’effetto “gommoso” bisognerà conoscere quale cottura scegliere per i nostri calamari. I tempi di cottura, infatti, sono fondamentali per servire un piatto appetitoso e morbido al punto giusto.

Il vero trucco è procedere con una cottura veloce. In qualunque modo si vogliano cucinare, infatti, i calamari dovranno cuocere per pochi minuti, massimo 6-7 minuti. Per i calamari ripieni anche 15 minuti. Nel dettaglio:

  • per una cottura in umido si consiglia di far cuocere prima il sugo e poi calare i calamari per pochi minuti.
  • I calamari resteranno morbidi anche in padella o sulla piastra. Basterà incidere dei piccoli taglietti sulla carne prima della cottura. In questo modo, i calamari che normalmente tendono ad arricciarsi in cottura resteranno, invece, più distesi. La cottura sarà più uniforme e il pesce risulterà meno duro e gommoso.
  • Per avere una cottura perfetta anche dei calamari surgelati, si consiglia di tirarli fuori dal freezer solo qualche minuto prima di cuocerli e lasciarli a temperatura ambiente. 

Lettura consigliata

Come pulire e spurgare velocemente le vongole eliminando sabbia e impurità da questi amatissimi frutti di mare
(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te