Busta paga più leggera per i lavoratori in cassa integrazione

Non saranno giorni felici per chi è in cassa integrazione ordinaria e straordinaria. Purtroppo lo stop al lavoro forzato si tramuta in una brutta sorpresa appena vedranno accreditarsi gli assegni mensili. Busta paga più leggera per i lavoratori in cassa integrazione.  Uno studio dell’Osservatorio Statistico Consulenti del Lavoro ha stilato quanti soldi troveranno in meno per gli effetti del coronavirus. La media tracciata è di una perdita del 36% e troverà in busta paga circa 581 euro, rispetto alla retribuzione netta un ribasso di 472 euro. La maggioranza dei lavoratori purtroppo dovrà ritrovare meno soldi in busta paga. Coloro che sono maggiormente colpiti i professionisti intellettuali, scientifici di elevata specializzazione che a fronte di uno stipendio di 1713 euro troveranno il 45% in meno. Anche le professioni tecniche vedranno decurtarsi il salario mensile del 41%. Più si abbassa il livello lavorativo, meno è lo stipendio, nel contempo si abbassa la soglia di riduzione dello stipendio.

Lavoratori fortunati

I danni del lockdown sono a tutti i livelli. Gli unici a salvarsi dal cataclisma sono i dipendenti pubblici e i pensionati che fortuna loro non hanno visto decurtarsi nulla. I primi anche se a singhiozzo continuano a svolgere la propria attività in smart working oppure in presidio a rotazione presso gli uffici garantendo una certa continuità. La categoria dipendenti statali non hanno problemi di riduzione di stipendio e continuano a prendere quanto dovuto. I pensionati invece sono chiusi in casa per ovvi motivi perché categoria più a rischio di essere contagiati dal coronavirus.

Prestito in convenzione
Prestito in convenzione

Cosa succede tra Nord, Centro e Sud

Purtroppo il taglio medio della busta paga varia anche rispetto a dove si lavora. Al Nord è leggermente più alto il taglio dello stipendio per coloro che sono in cassa integrazione ordinaria o straordinaria.

Quanti assegni di cassa integrazione

La domanda di cassa integrazione e assegno ordinario ad oggi è stata prodotta da 7,3 milioni di beneficiari. Questo dato non tiene conto delle richieste di Cig in deroga, che da conti presuntivi può risultare di 3 milioni di beneficiari. Sperando che finisca presto questa pandemia una busta paga più leggera per i lavoratori in cassa integrazione non fa stare certamente allegri.

Consigliati per te