BTP italiani più rischiosi di quelli greci?

Stando a uno studio del Financial Times i BTP italiani sono il titolo più rischioso dell’area euro.

Al di là del fatto che il quotidiano britannico non ama certo l’Italia, questa teoria è avallata dal dato che il decennale italiano rende l’1.16% mentre il corrispondente greco si ferma all’1.10%.

E’ la prima volta dal 2008 che avviene questo contro  sorpasso.

E bisogna dire che la ripresa di interesse verso i titoli greci che ha progressivamente abbattuto i rendimenti è stata assolutamente spettacolare tanto da provocare questo superamento.

Ma cosa c’è dietro BUY sui titoli greci?

Economia italiana: crescita lenta

Stando al FT l’economia italiana :“rimane impantanata in una crescita lenta. Sebbene S&P valuti che il debito italiano offra migliori garanzie rispetto a quello greco, l’Italia ha un outlook negativo”.

I BTP italiani pagano dunque questo fattore di crescita rallentata.

Situazione economica stagnante che è certamente legata ai vincoli che l’UE ci impone e a una classe politica debole e litigiosa che non riesce a contrastare adeguatamente i diktat di Bruxelles.

Questa precisazione è dovuta al fatto che a Spagna e Francia (che “vanta” un debito pubblico più elevato del nostro) invece da anni vengono concesse deroghe sui vari parametri europei.

All’Italia no!

Meglio la valutazione del FT o di S&P?

Chi ci segue sa che non diamo un credito eccessivo ai rating delle agenzie come S&P e company.

Molto più rilevante l’impatto sui mercati ad ogni pubblicazione che non l’attendibilità prospettica dei rating pubblicati.

Attendibilità spesso smentita dai fatti…

Ma come timing per stabilire cosa acquistare e cosa vendere le pubblicazioni delle agenzie non vanno ignorate.

In questo caso si preferisce la valutazione di S&P per un semplice motivo.

Mercato dei BTP alterato

I titoli di stato, BTP italiani, greci e non solo,  in questi periodo hanno un grande compratore che ne altera il normale percorso di mercato: la BCE!

La BCE acquista su parametri standard anche a livello di quantità per cui è evidente che un debito pubblico più piccolo come quello greco ne abbia un beneficio maggiore rispetto a chi come l’Italia, ha debito più elevato.

Sia bene inteso: le quantità in acquisto non sono uguali per tutti e non sono legate al volume del debito pubblico ma ad altri svariati fattori.

Ecco perché il prezzo dei BTP greci ha portato i rendimenti ellenici ad affiancare quelli italici.

Trova il tuo broker

Tickmill
Fisher Investments
Ava Trade

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.