BTP: il ribasso non è ancora archiviato

Il BTP ha chiuso la seduta del 10 ottobre a 120,31 in rialzo dello 0,28%.

Settimana scorsa è stato segnato un massimo a 120,97 ed un minimo a 118,26.

Come discusso nell’articolo BTP: aumentano i rendimenti. Quali titoli di Stato mettere in portafoglio?

Dopo 3 anni di rendimento zero con alcuni picchi anche in negativo, finalmente si hanno rendimenti da sogno .

Ora per gli investitori , anche privati, continuare ad ignorare il nostro debito pubblico diventa più difficile.
Alla faccia dello spread mettere in portafoglio cedole o meglio rendimenti che oscillano dal 2,51% a 36 mesi fino al 3,79% a 30 anni sta certamente diventando molto appetibile.

Sui corsi del BTP è probabile che si possa ancora soffrire per gli attacchi speculativi che certamente proveranno a riproporsi ma ugualmente per chi cerca rendimento e non ha necessità di avere sempre il capitale disponibile siamo già a livelli molto appetibili.

Per quel che riguarda l’analisi tecnica dopo che le prime tre sedute della settimana hanno visto la discesa delle quotazioni, mostrando anche una notevole forza (nonostante tutte le pressioni, infatti, il fondamentale supporto in area 119,979 aveva tenuto), le ultime due sedute della settimana sono state molto negative.

Il supporto in area 119,9, infatti, ha ceduto e adesso le quotazioni del BTP sono dirette verso il II° obiettivo di prezzo in area 112,25.

Solo recuperi di area 119,9 potrebbero far partire le quotazioni al rialzo.

Proiezione ribassista in corso sul Future BTP

BTP: proiezione ribassista in corso sul time frame giornaliero. Sul grafico sono indicati gli obiettivi di prezzo del ribasso in corso.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te