Btp e Bot: rendimenti in risalita. Conviene comprare?

Tornano positivi i rendimenti di Btp e Bot, ma entro l’anno la Bce non acquisterà più titoli degli Stati Ue. Cosa fare? I consigli di Angelo Drusiani, esperto di mercati finanziari.

Dopo anni di rendimenti negativi nelle due ultime aste di fine maggio e metà giugno, i rendimenti dei Bot e Btp sono tornati in positivo.

Ecco gli ultimi rendimenti al netto delle commissioni:

  • Bot a un anno (scadenza giugno 2019)  0,34%.
  • Btp triennale (scadenza 15.4.2021)  1,5%.
  • Btp settennale (scadenza 15. 5. 2025)  2,177%.
  • Btp  trentennale (scadenza 1.3.48) 3,089%.
  • Btp con scadenza 1.09.46) 2,994%.
  • Ctz (scadenza 30.03.2020) 0,35%.

Conviene comprare?

“Destinare una quota del portafoglio, non molto elevata, a BtpCct, ma anche Bot e Ctz ,oggi, può essere una strategia da adottare.  E’ vero che Mario Draghi, nell’ultima riunione della Bce ha dichiarato di dimezzare l’acquisto dei titoli di stato europei a partire da settembre per non acquistarli più a fine dicembre,  ma sono sicuro che la Banca Centrale Europea non  starà lontana dal mercato finanziario e continuerà a vigilare sulla sicurezza della moneta unica e dei paesi dell’area euro, Italia compresa”.

Conviene comprare i titoli legati all’inflazione?

Btp e Bot: rendimenti in risalita. Conviene comprare? ultima modifica: 2018-07-06T20:06:11+00:00 da Patrizia Puliafito

Trova il tuo broker

XTB
Tickmill
XM
Ava Trade

Le Fonti TV
Segui Le Fonti TV su Facebook

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.