Brexit l’ora X è arrivata: cosa c’è da sapere

Sembrava tanto lontana la Brexit e invece è arrivata l’ora X. Nel 2016 i cittadini inglesi furono chiamati alle urne per scegliere da che parte stare: se con l’Europa o meno. Il popolo britannico scelse di stare fuori dall’Europa.

A mezzanotte in Italia, alle ore 23 in Gran Bretagna cala il sipario: Regno Unito ed Europa si dividono per sempre.

Ma perché Brexit?

Il termine è stato coniato dall’unione di due parole anglosassoni: britain che significa Regno unito ed exit che significa uscita.

Fai trading sui mercati più famosi del mondo ed esplora le infinite opportunità con Plus500

Inizia a fare trading »

Il 76,4% degli investitori al dettaglio perde denaro sul proprio conto quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Cosa cambia

Tutti si chiedono cosa accadrà da domani. Nulla. In una sola parola può essere raccolto lo stravolgimento in atto. La data del divorzio ufficiale è fissata al 31 dicembre 2020. Da domani fino al termine dell’anno si è in una fase di transizione.

Per fare un esempio: gli espatriati  registrati come residenti già oggi e fino al 30 giugno 2021, manterranno gli stessi diritti riconosciuti oggi.

Nel 2021 cambiano le regole: stop alla libertà di movimento e l’introduzione di un nuovo regime d’immigrazione per la Gran Bretagna. Coloro che vorranno andare in quel territorio necessiteranno del passaporto.

Perché influisce anche sugli altri Stati

L’economia mondiale avrà riflessi per questa scelta. Prima di ogni cosa viene messa in dubbio l’utilità dell’Europa. Ma su questo tema bisogna andarci cauti. Ricordiamo che l’unione fa la forza. Però la scelta di una delle grandi potenze economiche europee che si sottrae all’Europa apre il dibattito anche negli altri Stati.

La bozza Europa – Uk

La separazione tra Europa e Uk ha una bozza di accordo: per i cittadini europei che vivono e lavorano in Gran Bretagna non cambia nulla ma devono solo registrarsi presso il ministero.

Gli impegni una volta assunti, vanno onorati. L’Uk pagherà all’Ue 40 miliardi di euro per far fronte a impegni pregressi.  Per il sistema doganale europeo e mercato unico l’Irlanda del Nord sarà soggetta mentre la Gran Bretagna no.

Lavorare in Gran Bretagna non sarà come prima: si prendeva la valigia e si partiva senza disturbi. Con la Brexit baristi, camerieri, parrucchieri dovranno avere già un contratto di lavoro prima di partire e non potranno restare più di un anno. Diverso il discorso per lavoratori qualificati: visti di lavoro più lunghi e poter farsi riconoscere la residenza. Per chi vuole andare in vacanza passaporto e visto elettronico.

Approfonfimento sull’argomento

Scopri Plus500
Scopri Plus500

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.