Borse UE e Wall Street incerte ma con questo scenario Piazza Affari è in pole position per il record

Piazza Affari ieri ha chiuso la seduta in lieve rialzo. Il risultato apparentemente è positivo ma è parzialmente bugiardo. La Borsa di Milano ha terminato in territorio positivo perché è stata spinta dall’incredibile balzo di Unicredit. Il nostro listino senza la spinta del titolo bancario avrebbe chiuso in ribasso come il resto degli altri principali listini europei.

Il Covid alimenta l’incertezza sui mercati azionari
La spinta delle prime due sedute della settimana sembra essersi esaurita. Le Borse europee e anche Wall Street si mostrano incerte. Gli operatori sono meno preoccupati degli effetti della variante Omicron, ma i timori per la crescita del numero delle restrizioni anti Covid in Europa aumentano. Purtroppo anche in Italia i contagi stanno salendo anche se con una intensità minore che nel resto del Vecchio Continente. Questo fattore ha probabilmente rallentato il recupero delle Borse dopo i primi due giorni della settimana pervasi da quasi euforia.

Ieri l’indice Ftse Mib ha chiuso in rialzo dello 0,2% e i prezzi hanno terminato a 26.817 punti. L’andamento dell’ultima seduta non è stato molto incoraggiante. L’indice non è riuscito a salire sopra la soglia psicologica dei 27.000 punti ed è rimasto lontano dai massimi delle ultime due giornate. Di contro il minimo di ieri è stato inferiore al minimo delle ultime due sedute e questo non è un segnale positivo.

Oggi è l’ultimo giorno dell’ottava borsistica e statisticamente il venerdì raramente favorisce il rialzo dei prezzi, specialmente in periodi di incertezza dei mercati. In genere nell’ultima seduta della settimana gli operatori preferiscono non comprare per evitare di tenere le posizioni aperte durante il weekend. Quindi anche oggi gli operatori potrebbero assumere una strategia prudente.

Borse UE e Wall Street incerte ma con questo scenario Piazza Affari è in pole position per il record

I due livelli del Ftse Mib da tenere monitorati per la seduta di oggi sono quota 27.000 punti al rialzo e quota 26.500 punti a ribasso. Oggi si potrebbe assistere ad un ulteriore calo dei prezzi dell’indice maggiore di Piazza Affari fino a 26.500 punti. Ricordiamo che a 26.500 punti l’indice Ftse Mib chiuderebbe un gap lasciato aperto nella seduta del 7 dicembre. La giornata di oggi sarebbe ideale per chiudere quel gap e per ripartire al rialzo la prossima settimana.

Se invece il Ftse Mib riuscisse a superare quota 27.000 punti riuscirebbe a trasformare l’attuale debolezza in uno scenario positivo. In questo caso i prezzi potrebbero spingersi fino a 27.150/27.200 punti. Il Ftse Mib ha raggiunto quest’area già nella seduta di martedì e mercoledì scorsi.

Tuttavia il Ftse Mib (INDEX:FTSEMIB) potrebbe realizzare anche un terzo scenario. I prezzi in avvio di seduta potrebbero scendere fino a 26.500 punti, chiudendo il gap ancora aperto e poi rimbalzare. Gli acquisti potrebbe spingere l’indice sopra i 27.000 punti. Una chiusura sopra questa soglia favorirebbe l’indice maggiore di Piazza Affari la prossima settimana per raggiungere i massimi dell’anno. Naturalmente conterà molto anche il contesto dei mercati azionari. Gli investitori professionali si attendono Borse UE e Wall Street incerte ma con questo scenario Piazza Affari è in pole position per il record.

Approfondimento
Il punto sui mercati

I risultati delle previsioni presenti in questo articolo si basano su calcoli statistici spiegati negli ebook pubblicati da ProiezionidiBorsa ed elaborati sulla base dello storico dei prezzi a disposizione. (Ricordiamo, inoltre, di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te