Bonus di 1.000 euro INPS, ecco le istruzioni per chi non lo ha percepito

L’INPS, con messaggio n. 143 del 14.01.2021, comunica ai lavoratori, che si sono visti rigettare il bonus di 1.000, che possono presentare il riesame. In particolare l’INPS, si riferisce alla indennità Covid, prevista all’art. 9 del decreto legge n.104/2020, il cosiddetto decreto Agosto. Quindi, per il bonus di 1.000 euro INPS, ecco le istruzioni per chi non lo ha percepito. Si potrà, nei termini spiegati, proporre un riesame, entro 20 giorni. ProiezionidiBorsa illustra ai Lettori che si sono visti respingere la domanda, le indicazioni fornite dall’Ente, per far riesaminare la propria domanda, ottenendo, ove possibile, l’indennità.

Trattasi dell’indennità onnicomprensiva di euro 1.000 prevista dal decreto legge n.104/2020, riconoscibile automaticamente ai lavoratori che già hanno ricevuto quella di cui al d.l. n.34/2020. Tale indennità è stata prevista per i seguenti lavoratori:

a) lavoratori stagionali, lavoratori in somministrazione e lavoratori a tempo determinato del turismo e stabilimenti termali;

b) lavoratori dipendenti stagionali nei settori diversi da cui sopra;

c) lavoratori autonomi occasionali;

d) lavoratori dello spettacolo;

e) lavoratori incaricati alle vendite a domicilio;

f) lavoratori intermittenti.

Bonus di 1.000 euro INPS, ecco le istruzioni per chi non lo ha percepito

L’Ente precisa che le domande inviate sono state sottoposte a controlli automatici, mediante un sistema centralizzato. Gli utenti potranno consultare gli esiti della domanda direttamente sul sito INPS, nella parte dedicata a tutti i servizi causa Covid, o anche tramite un patronato.

In caso di reiezione, i lavoratori potranno presentare riesame nel termine di 20 giorni dalla pubblicazione del messaggio o dalla notifica di reiezione, se successiva. Nel caso in cui, l’interessato non produca idonea documentazione, la domanda si intenderà respinta.

Il messaggio dell’INPS contiene peraltro un allegato indicante le motivazioni di reiezione, nonché la documentazione richiesta, qualora il lavoratore voglia chiederne il riesame. Per quanto riguarda le reiezioni forti, il lavoratore non potrà proporre il riesame, ma soltanto adire l’autorità giudiziaria.

Modalità di invio riesame

L’interessato potrà chiedere il riesame, inviando la documentazione necessaria mediante il link “Esiti”, presente nella sezione dove ha inoltrato la domanda. In quella sezione, ci sarà una funzione che espone i motivi di reiezione e consente di allegare quanto richiesto per il riesame.

In alternativa, si potrà inviare la documentazione nella seguente casella postale riesamibonus600.nomesedeinps.it, istituita per ogni Struttura territoriale INPS. Pertanto occhio al termine entro cui poter proporre riesame!

Approfondimento

Multe agli eredi, cosa fare in caso di ricezione di una cartella esattoriale

Consigliati per te