Bonus da 300 a 700 euro per le famiglie che ne fanno richiesta 

Per aiutare le famiglie a superare il periodo di emergenza sanitaria ed economica Covid, oltre agli stanziamenti del Governo anche molti Comuni si sono attivati. In atto bonus da 300 a 700 per le famiglie che ne fanno richiesta con un ISEE di 35mila euro. Analizziamo in quali Comuni è possibile fare domanda e quali sono i requisiti specifici.

Bonus da 300 a 700 euro per le famiglie che ne fanno richiesta

Il Consiglio comunale di Ravenna ha approvato, martedì scorso, la delibera di 200mila euro con aiuti alle famiglie con figli da 3 mesi fino a 14 anni di età. Si tratta di un bonus babysitter di 300 euro per far fronte alle spese di asili d’infanzia, nidi e scuole.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Il bando si rivolge alle famiglie con un ISEE valido di un valore non superiore a 35mila euro. Le spese sostenute devono essere documentate.

Possono partecipare al bando tutte le tipologie di lavoratori, sono compresi anche i lavoratori autonomi e partita IVA. Inoltre, possono partecipare anche i lavoratori in smart working.

Per maggiore informazione, bisogna rivolgersi al Comune di Ravenna.

Le altre agevolazioni

Previsti aiuti alle famiglie in difficoltà economica a causa del Covid, con bonus spesa da 50 a 700 euro.

Gli stanziamenti previsti nel Decreto Ristori ter, sono in arrivo per le amministrazioni comunali. Il bonus è riconosciuto ai nuclei familiari con un ISEE aggiornato inferiore a 8mila euro. Ma ogni Comune potrà variare le soglie di reddito. I bonus spesa sono spendibili per l’acquisto di alimenti, farmaci e beni di prima necessità.

Inoltre, i bonus non saranno concessi nei nuclei familiari in cui almeno un componente lavora o percepisce un altro tipo di sostegno al reddito. Ad esempio: reddito di cittadinanza, cassa integrazione, reddito di inclusione,  indennità di disoccupazione, eccetera.

Per tutte le informazioni sui bonus spesa è consigliabile rivolgersi al proprio Comune di appartenenza.

Consigliati per te