BlackRock: puntare sull’azionario

Il Ceo di BlackRock, Larry Fink, non ha dubbi: il segreto per guadagnare, adesso, è puntare ancora sull’azionario

Scappare dall’azionario è controproducente

Per quanto i mercati siano in fase altalenante e le incertezze siano ancora tante, temere l’azionario è sbagliato. Così come è sbagliato anche appoggiarsi a investimenti giudicati sicuri. Molti dei clienti di BlackRock hanno avuto dei ripensamenti nel buttarsi nuovamente sull’azionario. Una mossa che il CEO ha giudicato errata. “Le persone dovrebbero investire di più in azioni” secondo quanto da lui dichiarato. Con il cambio di rotta da parte delle banche centrali e parallelamente ad una serie di conferme anche sul fronte degli utili, l’azionario potrebbe essere un ottimo investimento.

Quale mercato azionario scegliere?

Stando alle sue previsioni, infatti, l’azionario, in particolar modo quello statunitense, darà ancora grandi soddisfazioni. Sul tetto del mondo con nuovi record storici, non è escluso, secondo Fink, che possa raggiungere vette ancora più alte. Fink ricorda infatti che l’America ha le “società migliori sul mercato mondiale”, società che possono contare anche sul fatto che la politica fiscale voluta dalla Casa Bianca è molto più ampia rispetto a quella delle altre nazioni. Il motivo? Le altre aree economiche aspettano le mosse della politica monetaria delle banche centrali, Washington, invece, ha agito anche sul fronte dei tagli alle tasse. Una spinta che, per quanto in esaurimento, ha dato molta benzina alle compagnie.

I numeri dell’S&P 500 di giugno

Intanto giugno si è rivelato essere un ottimo mese per gli investimenti made in Usa con un S&P 500 che ha chiuso il mese con un +7%, miglior risultato su giugno dal 1955. Risultato arrivato per lo più dalle conseguenze delle ampie aperture fatte dalla Fed e, in contemporanea, anche dalla Bce. In quest’ultimo caso una conferma della politica accomodante è arrivata dalla notizia della nomina di Christine Lagarde come successore di Mario Draghi alla guida della Banca Centrale Europea. Sono infatti note ai mercati le posizioni estremamente dovish della Lagarde in fatto di politica monetaria. Guardando invece alla Fed le attese per il prossimo, ormai imminente taglio sul costo del denaro, parlano di uno 0,25% (avvenimento che è dato dagli operatori al 55% di probabilità) mentre sono salite le scommesse per un taglio allo 0,5% , ora dato con una probabilità del 45%.

Approfondimento

Livelli e valori per capire quando e se acquistare o meno sui mercati

Indici azionari Raccomandazioni e Schede tecniche

Bridge Asset
Bridge Asset

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.