blank

Bisognerebbe riciclare sempre l’umido che abbiamo in casa per il suo riutilizzo geniale

Ogni giorno accumuliamo rifiuti organici, è inevitabile. E la prima cosa che solitamente facciamo è quella di buttarli nell’umido per poi gettare tutto definitivamente.

Difficilmente ci abbiamo pensato ma se abbiamo un giardino potremo riutilizzarlo. Esattamente, a costo zero.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Come dicevamo, bisognerebbe sempre riciclare l’umido in casa per il suo riutilizzo geniale.

In questa stagione dove tutte le piante e i fiori del nostro giardino rifioriscono ci darà notevoli soddisfazioni.

È fondamentale che per avere un terreno di ottimale qualità pensiamo a metodi efficaci per utilizzare fertilizzanti naturali, anche fatti in casa.

E perché non utilizzarlo anche in chiave anti-spreco?

Bisognerebbe riciclare sempre l’umido che abbiamo in casa per il suo riutilizzo geniale

Per chi non lo sapesse, possiamo procurarci una compostiera. Ovvero un contenitore dove verranno versati i rifiuti organici che si trasformeranno successivamente in terriccio fertilizzante.

È facilmente reperibile in qualsiasi negozio di giardinaggio. E ha un prezzo abbastanza contenuto.

Il posto ideale dove possiamo posizionarla sarà possibilmente in un angolo riparato. Come sotto una tettoia o anche sotto un albero.

In questo modo gli garantiremo la giusta umidità e la giusta temperatura in ogni stagione.

All’interno della nostra compostiera potremo riporre tutti gli avanzi di cibo, scarti di frutta e verdura. Nonché fondi di caffè, foglie e anche carta da cucina.

Questi sono tutti quanti ingredienti ottimi per ottenere un fertilizzante naturale adatto alle nostre piante. Oppure al nostro orto o giardino.

Per ottenere un buon equilibrio misceleremo i residui secchi a residui umidi. In breve, due parti di composto umido equivalgono a uno di quello secco.

Se vogliamo, comunque, facilitarne la decomposizione, dobbiamo cercare di ridurre a pezzetti più piccoli i rifiuti più spessi.

Consigliamo di inserire all’interno il meno possibile di avanzi di carne o pesce. E ciò perchè altrimenti la nostra compostiera sarà completamente invasa di insetti.

Attenzione, lettiere di animali, parti di legno verniciate o cartone plastificati non vanno assolutamente messi nella compostiera.

Dopo circa sei mesi si sarà formato un compost dall’aspetto di terriccio umido. Il cosiddetto “humus”.

Il nostro fertilizzante naturale è pronto e adatto per ogni tipo di coltivazione.

Ecco, dunque, perché bisognerebbe sempre riciclare l’umido in casa per il suo riutilizzo geniale.

Consigliati per te