Bill Gates: “avrei dovuto pagare più tasse”!

Il multi miliardario fa autocritica? E’ tutta colpa sua o del sistema di tassazione?

Bill Gates è solito lamentarsi della sua straordinaria ricchezza. Penso che faccia bene, ma i suoi colleghi miliardari non sempre la pensano   in questo modo.

Il fondatore di Microsoft (NASDAQ:MSFT) dichiara ad una nota rivista americana di  economia: «la discrepanza che esiste negli Stati Uniti tra i redditi più alti e quelli più bassi è molto più alta di quanto lo fosse 50 anni fa”

Fai trading sui mercati più famosi del mondo ed esplora le infinite opportunità con Plus500

Inizia a fare trading »

Il 76,4% degli investitori al dettaglio perde denaro sul proprio conto quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Una frase che dovrebbe far riflettere, ma la colpa è di Bill Gates?

No, questo è dovuto alla politica fiscale di  stampo Reganiano,  e  proseguita dai repubblicani  in particolare da Bush padre e  figlio.

In cosa consisteva questa politica fiscale? Negli Stati Uniti l’aliquota  fiscale sulla tassazione delle persone fisiche era progressiva, per il principio della utilità marginale decrescente.

I repubblicani abbassarono enormemente  le aliquote, soprattutto quelle più alte.

Con la riduzione delle tasse verso i ceti  abbienti si verificò un aumento momentaneo ma sostanziale delle entrate fiscali, dato che  ripartì  il livello dei consumi.

Questo aumento  favorì inoltre una discreta e robusta ripresa economica.

Ai ceti meno abbienti la riduzione di tasse fu sostanzialmente molto  più  contenuta.

La riduzione delle aliquote  marginali più alte con il tempo portò anche un effetto perverso, fece aumentare  il deficit statale. Questo perchè  le tasse sulla  ricchezza non compensavano  la riduzione sui redditi di maggior livello.

Perché  questo gap non veniva colmato?   Vi sono, ovviamente, per le grandi ricchezze innumerevoli sistemi legali e non per sottrarsi alla morsa del Fisco.

Negli Stati Uniti gli avvocati fiscalisti vanno per la maggiore.

Chi è esperto di scienza delle finanze conosce bene i meccanismi di tassazione. Questi influiscono soprattutto sui ceti medi e molto meno sulle persone abbienti molto ricche.

Il nostro paese ha sostanzialmente seguito questa impostazione, con una differenza che l’aumento dei consumi  è stato molto basso,  e nessuna maggiore entrata  fiscale.

In compenso è aumentato il deficit statale non più compensato dalle entrate sui redditi più alti.

 Ricordiamo che nell’anno 1983 l’aliquota IRPEF più alta era il 72% oggi è il 43%, una riduzione pari al 29% sui grandi redditi.

La soluzione è questa:  diminuire le tasse sui redditi bassi o medio bassi e alzare in maniera elevata la tassazione a quelli più alti.

Penso che ricchi calciatori o uomini d’affari si possono anche permettere una aliquota IRPEF superiore al 50%.

Le  possibilità di elusione sono enormi per i grandi, come ridurre l’imponibile attraverso la costituzione di SRL su cui dirottare  parte dei compensi, delle società Off Shore, dei paradisi fiscali., ecc..

Lo Stato deve fare il suo dovere e avere funzionari veramente esperti in diritto tributario internazionale.

Questi dirigenti  non possono essere selezionati dai soliti concorsi pubblici basati sul diritto amministrativo per avere personale  generico da poter coprire nei  vari ruoli come se fosse un Jolly.

Servono dei super ispettori che parlino e leggano varie lingue e con mentalità aperta, altrimenti si dovrà, come sempre,  vessare la povera gente e riproporre la solita storia  che può essere sintetizzata con queste due parole:  GRANDI EVASORI e  tartassati.

Scopri Plus500
Scopri Plus500

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.