Le 5 domande da fare alla tua banca
Noi di Fisher non lasciamo mai soli i nostri clienti. Se hai 350K, scopri di più su come operiamo in questa guida.
Scopri di più >>

BCE e UE è il momento di cambiare rotta

La sequela di dati macroeconomici cedenti, Germania in testa, e l’inflazione assolutamente sotto controllo dovrebbero essere di sprone per BCE e UE.

I due principali organi di vertice dell’Unione europea dovrebbero sfruttare questa contingenza per una approfondita auto-analisi critica dei risultati deludenti di questi anni.

Dopo l’analisi, BCE ed UE dovrebbero ristudiare la situazione e vedere cosa fare per invertire la rotta.

Il contesto di rallentamento ma non ancora recessione e l’inflazione sotto controllo forniscono un abbinamento ideale per agire anche con misure non convenzionali o almeno non abituali in Europa.

Tabella dati macroeconomici europei di giornata

    Indice generale dei prezzi al consumo (Mensile) (Apr) 0,9% 0,90% 0,9%
    Indice principali prezzi al consumo (Annuale) (Apr) 1,3% 1,2% 1,2%
    IPC (Annuale) (Apr) 1,7% 1,70% 1,7%
    IPC (Mensile) (Apr) 0,7% 0,7% 1,0%

Annotiamo soltanto un marginale rialzo dei prezzi su base annuale a +1.3% versus +1.2%.

Nulla che possa preoccupare BCE e UE che, anzi, da questo piccolo segnale di vita potrebbero trovare spunto per dare il via ad una serie di misure anti-austerity per un pieno e vero rilancio economico dell’Europa area Euro.

E più che di nuove immissioni monetarie destinate alle banche parliamo di aperture rispetto ai rigidi parametri di bilancio imposti agli stati che impediscono agli stessi di innestare la marcia della ripresa economica.

Poi raggiunto questo obbiettivo ci sarà tutto il tempo per ristabilire parametri più virtuosi.

Il rifiuto di prendere a modello chi funziona meglio: i casi di USA e Gran Bretagna

Ciò che stupisce profondamente nei comportamenti di BCE e UE è il rifiuto totale di prendere a riferimento i comportamenti di USA e Gran Bretagna che hanno vissuto anni post crisi decisamente migliori rispetto ai paesi UE.

Anzi tutt’ora vivono cicli economici molto più robusti e favorevoli.

E non tutto è passato da QE e relative erogazioni al sistema bancario o finanziario.

Precise scelte politiche di investimenti pubblici e tagli fiscali sono state le fondamenta su cui si è costruito il rilancio economico dei paesi anglofoni.

E NON ci si venga a parlare del debito pubblico visto che il debito pubblico americano è per distacco il più corposo al mondo.

Tale debito  non ha impedito agli USA negli ultimi anni di estendere le aree di benessere tra la popolazione tanto da vedere la disoccupazione persino sotto il 4% mentre il PIL ha viaggiato spesso sopra appunto al 4%.

Chissà forse dopo le elezioni un bagno di umiltà potrebbe anche fare cambiare rotta a BCE e UE… staremo a vedere!

BCE e UE è il momento di cambiare rotta ultima modifica: 2019-05-17T11:42:01+02:00 da Gianluca Braguzzi

Trova il tuo broker

Tickmill
Fisher Investments
Ava Trade

Consigliati per te

Le Fonti TV

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.