Battle Realms. Una perla dal passato

Il videogame Battle Realms è in sconto questo weekend sulla piattaforma GoG. Vediamo insieme perché vale la pena di considerare questa piccola perla come ultima aggiunta alla nostra collezione.

ProiezionidiBorsa TV

Battle Realms, un gioco d’altri tempi

Correva l’anno 2002, i videogiochi di strategia erano ancora popolari. Tutti erano eccitati all’idea dell’introduzione del 3D, anche se nessuno sapeva bene come gestire tutti quei poligoni, e quelle unità, sugli schermi del tempo.
Fino ad allora la maggior parte degli strategici erano stati gestiti con motori 2D a visuale isometrica. Con tale tecnica si creava un’illusione di profondità senza bisogno di grandi acceleratori 3D a cui ormai siamo tutti abituati. E si potevano gestire su schermo anche decine di unità contemporaneamente senza problemi. Sempre se si escludono i grandi problemi di pathfinding del tempo.

Scoprire che un nostro scout era rimasto incastrato in un pezzo di paesaggio perché l’intelligenza artificiale non sapeva di dover girare attorno ai massi era all’ordine del giorno. Eppure tutti amavano il genere e tutto funzionava egregiamente. Con l’arrivo del 3D tutti si affrettarono a trovare soluzioni per riuscire a limitare il numero di unità sullo schermo.

Ecco che allora i giochi di strategia divennero più che altro giochi di tattica. Invece che grandi eserciti, piccoli gruppi molto eterogenei si scontravano sotto l’attenta guida del giocatore. Tutto era più complesso, ma tutto sommato più divertente dato quanto più ogni singola unità contava.

Il problema vero è che nel 2002 uscì un’altro titolo strategico, in 3D, con poche unità da gestire e un gameplay innovativo: Warcraft 3.
Il titolo di Blizzard, che non ha bisogno di presentazioni, fu un successo mondiale. Non lasciò spazio a Battle Realms, che venne dai più ignorato e presto dimenticato.

Un gameplay innovativo

In tutta la sua semplicità Battle Realms si faceva comunque amare. E sapeva stupire. Abituati come eravamo ad ordinare ad un capanno di “costruirci” guerrieri, arcieri e soldati a cavallo, ci sembrò strano dover allenare i nostri paesani per farli diventare miliziani. E poi istruirli ancora per farli diventare un’altro tipo di soldato. Chi può dimenticare la prima volta che ci siamo resi conto che se volevamo che i nostri samurai andassero a cavallo avremmo dovuto domare quelli che si aggiravano, selvatici per la mappa?

E poi quanto piacevole fu scoprire che ciascuna delle 4 fazioni era assolutamente unica? Con una sua diversa storia, un diverso approccio al gioco, alla gestione delle risorse e strategie uniche?
Chi, poi, non ha apprezzato le musiche? O i paesaggi, e il mondo in cui il mondo di gioco, ispirato all’Asia, è stato reso?

Insomma avete capito che Battle Realms è un titolo diverso, fuori dai canoni a cui siamo stati abituati in un mondo post-Warcraft.
Ma per meno di 10€ è sempre disponibile su GoG. Spesso anche più scontato di così, a questi prezzi, non potete farvi scappare questa opportunità di provare questa gemma!

Consigliati per te